chiudi


Google+

Ultimi Articoli

Residence Golfo Gabella vicino Lago Maggiore

5
agosto

Trovare una struttura adatta alle vacanza di chi è portatore di un gravissimo handicap fisico certamente non è semplice. Per le mie tante esigenze, soprattutto perché sono costretto a portarmi dietro apparecchiature importanti, come un respiratore automatico in quanto portatore di tracheostomia, ho dovuto per forza considerare luoghi senza barriere, moderni e in un ambiente tranquillo. Nel 2013 ho pensato quindi ad una vacanza con mia moglie sul lago, dove avrei potuto passeggiare e respirare aria fresca senza il caos di spiagge affollate, senza però rinunciare ad un bel paesaggio da godermi a qualsiasi ora.

Dopo ricerche e verifiche soprattutto in Internet , ho scelto un bel posto sul lago Maggiore, precisamente a Maccagno (VA), a pochi chilometri dalla Svizzera. Abbiamo affittato un piccolo appartamento del residence Golfo Gabella, il quale è situato proprio sul lungolago ed essendo di recente costruzione offre tutti i comfort mettendo a disposizione alcuni appartamenti privi di barriere.

Il nostro bilocale per due persone era al piano terra senza nemmeno uno scalino ed era raggiungibile con l’auto fino alla porta d’ingresso principale. All’interno era spazioso, con porte larghe, con aria condizionata in ogni stanza, cucina completa di elettrodomestici e il wi-fi Internet. La sala era ampia unita alla cucina, e avevamo anche un bel portico affacciato sul giardino, per il quale era stato montato un piccolo scivolo utile a superare lo scalino della porta balcone. La camera da letto matrimoniale era anch’essa ampia sia per muovermi con la carrozzina, sia per tenere accanto al letto tutte le apparecchiature necessarie. Il bagno era corredato di maniglioni e di sanitari per disabili, inoltre essendo vasto si poteva ben entrare e muoversi con la sedia a rotelle.

All’interno del complesso residenziale si potevano percorrere tutti i vialetti e si poteva accedere anche attraverso un apposito elevatore alla moderna piscina privata del residence, dalla quale si poteva ammirare lo splendido lago circondato dalle sue colline.

Subito fuori dal residence, a pochi metri di distanza c’erano 2 ristoranti, uno dei quali era completamente privo di scale ed era pure un pub dove potevamo disporre a richiesta di un servizio di take-away per la cena, inoltre si poteva fare una po’ di vita mondana ad esempio per un aperitivo in compagnia.

Subito fuori dal complesso abitativo potevamo costeggiare, passeggiando con la carrozzina, tutta l’elegante  e tranquilla riva del lago con un clima sempre ventilato e piacevole, mentre per raggiungere gli altri servizi del piccolo paese bastava percorrere 200-300 metri e si potevano così ammirare anche le colline circostanti.

E’ stata certamente un’ottima scelta, e l’unica piccola difficoltà è stata l’utilizzo un po’ troppo complesso dell’elevatore per recarsi alla piscina, ma avendo segnalato il problema alla reception hanno programmato l’installazione di una rampa mobile per superare l’unico scalino da oltrepassare, così da ridurre il fastidio senza adoperare l’ascensore.

Per altri dettagli, prezzi e disponibilità potete visitare il loro sito web www.golfogabella.it o meglio alla url dell’appartamento da noi affittato con delle buone foto http://www.golfogabella.it/accommodations-filter/e002.aspx  Dal sito si può inviare una mail e ricevere abbastanza in fretta una risposta, almeno così è stato per me durante la prenotazione e comunque è davvero un posto che mi sento di consigliare anche solo per un breve periodo di relax.

SALVATORE

foto di salvatore


Le iniziative speciali di Exposanità

18
marzo

Dal 21 al 24 maggio 2014  Bologna Fiere

Exposanità è  l’unica manifestazione fieristica italiana dedicata ai temi della sanità e dell’assistenza e propone un’ampia offerta di prodotti per ospedali, ortopedia, handicap e riabilitazione.

Ad accompagnare la parte espositiva, oltre 500 ore di formazione professionale e numerose iniziative speciali!

Comitato Italiano ParalimpicoHorus Sport

Sezione dedicata allo sport per disabili. Giocatori professionisti e visitatori potranno praticare dal vivo le discipline paralimpiche più diffuse in un’area attrezzata.  CLICCA QUI

workshop iniziative speciali

Anteprima programma preliminare convegni, workshop e incontri  e iniziative speciali. CLICCA QUI

Vuoi visitare Exposanità? Per te un ingresso omaggio!

Facebook Exposanità

Ecco cosa devi fare:

Riceverai un messaggio di benvenuto con un codice da convalidare on-line. Ti forniremo tutte le istruzioni per ricevere un biglietto omaggio direttamente nella tua casella di posta.


Oktoberfest con Rossella e Francesco

15
ottobre

Questa volta siamo andati ad avventurarci all’Oktoberfest a Monaco. Come al nostro solito siamo andati in auto, abbiamo prenotato in un grazioso paesino a 40km da Monaco, Weilheim, presso l’Hotel Vollmann

La camera è molto spaziosa, la doccia enorme e senza scalino, purtroppo come al solito il wc è senza doccetta e il lavandino leggermente troppo alto. Per noi molto disagevole è stata la moquette in terra!!!

Accessibile la sala per la colazione e la reception con un piccolo dislivello di un paio di cm.

Per arrivare all’Oktoberfest ho letto che c’è la possibilità di andare con i mezzi pubblici ma non abbiamo verificato, la macchina ormai viene con noi ovunque!

Tantissima gente, accessibili tutti gli stand delle birrerie, un’esperienza da fare assolutamente.

Da casa avevo prenotato per andare a visitare il Castello di Neuschwantein con relativa visita accessibile, ma la sorpresa è stata molto negativa quando una volta alla biglietteria ci hanno detto che l’unico modo per arrivare al castello è la carrozza con i cavalli…ovviamente non accessibile, a meno che siate in compagnia di Maciste che vi prende in braccio e vi mette sopra, o se pesate come una piuma!!! E’ un controsenso che il castello sia totalmente visitabile ma non ci sia modo per arrivare là, a meno di farsi una passeggiata di un’ora in salita.

L’arrabbiatura è passata andando a visitare il paese di Oberammergau, tipico per le case dipinte. Anche lì birra e brezel in piazza e visita alla Reptilhaus, un piccolo rettilario “casalingo”.

Abbiamo fatto anche una sosta a Fussen, centro turistico molto curato e fiorito, e a Dachau, al campo di concentramento.

Il tempo è tiranno e tre gg sono pochi, ma si cose da vedere ce ne sono!!!

Alla prossima gita!!

Rossella e Francesco

Oktoberfest e disabili


Manerba del Garda Resort

29
agosto

Foto Residence

La struttura offre ai suoi clienti meravigliosi bilocali e trilocali immersi nel verde, per chi vuole trascorrere con la famiglia momenti di pace lontani dallo stress di tutti i giorni.

I nostri bilocali sono dotati di una camera matrimoniale, un bagno fornito di lavatrice, un soggiorno con angolo cottura e divano letto e un fresco patio con barbeque per le calde serate estive, dove è possibile godere del fresco del parco mentre i trilocali dispongono di una seconda camera da letto.

Gli appartamenti sono affittabili con diverse modalità, dal solo appartamento, alla formula hotel che offre la colazione o la mezza pensione compresa nel prezzo, per chi vuole davvero rilassarsi nelle meritate vacanze!

Il nostro resort è al confine tra Moniga e Manerba, a meno di un chilometro dal centro di Moniga, a metà strada tra Desenzano e Salò.

Arrivando dall’autostrada A4 uscire a Desenzano.

Serguire la statale in direzione Salò. Dopo circa 15 km svoltare a destra in direzione Moniga del Garda.

Superare il centro di Moniga del Garda, vedrete una farmacia sulla sinistra, e la successiva strada girare a destra, proprio di fronte alla pizzeria “Tre santi”. Proseguire in via San Sivino e svoltare la seconda strada a sinistra, in via dei Riali.

Proseguire per circa un chilometro, tenendo sempre la sinistra. La strada finisce proprio davanti al Manerba del Garda Resort.

Siamo ben nascosti dalla strada principale, per garantire ai nostri clienti pace e relax, non esitate a chiamarci se perdete la strada!

Abbiamo due appartamenti accessibili a disabili.

Foto della stanza e del bagno

Per info:

www.manerbadelgardaresort.it


Elogio a Parigi

2
21
febbraio

Ho recentemente passato una settimana di vacanza a Parigi ed è stata una esperienza estremamente positiva.

Non voglio dilungarmi sulla infinita varietà di attrazioni turistiche, storiche e artistiche che la città offre in quanto esistono centinaia di guide che le illustrano molto meglio di quanto potrei farlo io. Voglio però riportare le informazioni relative alla mobilità di una persona in carrozzina perchè sono un esempio di come il problema sia stato affrontato e risolto in maniera egregia.

In primo luogo i dettagli sul viaggio per e da Parigi.

Per la prima volta ho deciso di utilizzare il treno, anche per sperimentare personalmente il famoso TGV francese.

Io abito a Sanremo e ho deciso, per limitare il numero di cambi, di partire direttamente da Nizza.

Esistono due siti dai quali è possibile prenotare i biglietti.

Il sito internazionale accessibile anche in italiano (www.tgv-europe.it ) dal quale è possibile prenotare anche le tratte internazionali ma non di specificare le necessità di un disabile, e quello francese (www.sncf.com ) dal quale è possibile invece prenotare il posto per disabili.

Esiste poi un contatto mail (accesplus@sncf.fr) che, anche in inglese, fornisce tutta l’assistenza necessaria per la prenotazione dei biglietti e dei servizi di supporto nelle varie stazioni.

Contattando in primo luogo questo indirizzo ed esprimendo i propri desideri è possibile organizzare in modo efficiente il proprio viaggio, fornendo tutte le informazioni necessarie per mezzo di un questionario che viene inviato via mail.

Io ho fatto così e ho trovato, sia alla stazione di Nizza che a quella di arrivo a Parigi (Gare de Lyon) funzionari capaci e puntuali ad aiutarmi.

Al ritorno ho voluto sperimentare anche il servizio italiano e ho prenotato sia i biglietti che il servizio di supporto fino a Ventimiglia, con un cambio a Nizza previsto con solo 30 minuti di tempo.

Ebbene: a Nizza sono stato prelevato dal treno in arrivo e accompagnato direttamente a quello in partenza e a Ventimiglia il supporto italiano (prenotato attraverso il servizio delle sale blu di Trenitalia) è stato puntualissimo. Quindi nessun problema.

Sui TGV i disabili viaggiano in prima classe pur pagando il biglietto di seconda e l’accompagnatore viaggia gratuitamente, ma gli spazi sono piuttosto limitati, come ho potuto verificare nel viaggio di ritorno nel quale era presenta un altro disabile: l’incrocio di due carrozzine è possibile solo con l’aiuto del personale che è comunque molto gentile.

La toilette accessibile, in verità un po’ stretta e con la tazza che rimane sulla destra della carrozzina il che è un problema per chi usa sedie elettriche, è a pochi metri dai posti riservati. Le varie porte sono ad apertura automatica ma i pulsanti di comando si sono rivelati troppo duri per le mie capacità.

A Parigi ho scelto un albergo con struttura moderna per poter contare sulla piena accessibilità. L’hotel IBIS Bastille di rue de Breguet si è rivelato molto comodo: stanza con spazi sufficienti, toilette larga, doccia a raso pavimento, posizione strategica sia perchè molto vicina ad una zona che di sera si anima in maniera incredibile, sia perchè molto ben servita dai servizi pubblici.

E qui viene la nota più interessante: la mobilità dei disabili a Parigi, essendo le stazioni della metropolitana spesso non accessibili, è assicurata dalla rete degli autobus che sono tutti accessibili per mezzo di un piccolo scivolo azionato elettricamente dall’autista. I passaggi degli autobus sono molto ravvicinati e la rete è estremamente capillare. Difficilmente capita di dover aspettare più di 10 minuti ad una fermata e con non più di due autobus si attraversa la città in meno di mezz’ora in quanto la rete è organizzata su un numero limitato di punti nei quali si incrociano molte linee (place de la Bastille è uno di questi).

Il servizio è molto migliore di quanto gli stessi operatori turistici non sappiano: l’ufficio turistico della Gare de Lyon mi aveva scoraggiato all’arrivo consegnandomi una cartina con una selezione molto ridotta di autobus accessibili, ma l’informazione si è rivelata del tutto sbagliata.

Spesso invece i locali pubblici quali bar e ristoranti non sono accessibili a causa di uno scalino all’ingresso. Per questo problema è utile portare con sè una piccola rampa (40 cm di lunghezza sono sufficienti nella maggior parte dei casi).

Allo stesso modo sono rari i locali dotati di servizi accessibili ma il problema è superato dai moltissimi servizi pubblici che si trovano lungo i grandi viali. L’accesso è regolato da un sistema automatico che tra un utente e l’altro igienizza l’ambiente per cui sono tutti abbastanza puliti.

Quasi tutti i miei obiettivi di visita si sono rivelati accessibili:

-la Sainte Chapelle (con l’esclusione dei giorni festivi perchè l’ascensore è posto nell’annesso palazzo di giustizia)

-il museo di storia e cultura ebraiche

-il Musee d’Orsay

-il centro di cultura islamico

-il cimitero di Pere Lachaise (con qualche problema per il fondo acciottolato)

Ho trovato problemi solo all’espace Dalì di Montmartre (non accessibile) e alla Promenade Plantee (vecchio tratto ferroviario sopraelevato) che, come ho scoperto solo successivamente, è servita da ascensore unicamente all’estremità dei Jardin de Reuilly.

I movimenti pedonali sono inoltre molto agevolati in quanto tutti i marciapiedi sono raccordati al piano stradale in corrispondenza degli attraversamenti e degli incroci e passeggiare per Parigi, girando tra piazze, antichi mercati alimentari, mercati etnici dei quartieri periferici, parchi lussureggianti e curatissimi è veramente un piacere imperdibile.

In conclusione: se cercate una vacanza affascinante e spensierata nonostante la carrozzina, Parigi fa per voi!

Mirko Ferranti.


San Vito Lo Capo

5
10
ottobre

Ciao a tutti, sono Claudio, sono di Milano e vi scrivo questa recensione sulla mia vacanza estiva a San Vito Lo Capo in provincia di Trapani con la mia fidanzata Anna.

Il viaggio

Essendo prevalentemente in carrozzina elettrica ho dovuto portare con me la macchina e imbarcarla a Genova. Da Genova a Palermo l’unica compagnia che ha in mano questa rotta è Grandi Navi Veloci, la nave che ci è stata assegnata è la Excelsior. Ho prenotato a marzo telefonicamente al numero del costumare care che è 010-20.94.591 per farmi riservare la cabina per disabili. Ho pagato attraverso il costumare care con la carta di credito e ho dovuto inviare la scansione del certificato d’invalidità per confermare che effettivamente avevo diritto a una cabina per disabile in quanto effettivamente disabile. Sulla nave sono riuscito a girare in carrozzina elettrica e anche ad entrare in cabina con qualche manovra di troppo, ma ce l’ho fatta 🙂

Il servizio spiaggia.

Arrivato a San Vito Lo Capo, sono stato positivamente sorpreso dalla spiaggia attrezzata, li ho visto 2 job e una carrozzina che va sulla sabbia. Per la cronaca le carrozzine job, galleggiando sopra l’acqua agevolano l’ingresso e l’uscita dal mare con l’aiuto dei bagnini che erano perfettamente formati su come aiutare la persona disabile.  Questa spiaggia è gestita da una associazione di disabili che si chiama “disabili no limits” e questo è il loro link http://www.disabilinolimits.it/

La toilette

Di fronte alla spiaggia per disabili c’è un bar-ristorante che ha il bagno accessibile, il servizio è offerto gratamente a tutti i clienti del bar ma se non si consuma nulla, il costo è di 1 euro per ogni volta che si usa la toilette per disabili. Certamente non la trovo giusta questa cosa, spero che per persone disabili la renderanno gratuita, si tratta di auspicio, ovvio, ma per ora si paga.

la spiaggia accessibile

I locali

I negozi generalmente non erano attrezzati per far fare shopping a noi persone disabili, tuttavia i ristoranti, pub, gelaterie e negozietti di dolci (buonissimi) erano quasi totalmente accessibili. Facendo una veloce statistica direi che il 60-70% di questo tipo di locali erano accessibili. Anche le farmacie e la polizia avevo le rampe per accedere. Mi piacerebbe che questa attenzione all’accessibilità fosse estesa a tutta Italia e al tutti i tipi di locali non solo “dove si mangia”.

Locali accessibili a san vito lo capo

Escursioni

Io e Anna abbiamo fatto anche un escursione alla riserva dello Zingaro con il catamarano Buona Vida (http://www.buenavida.it/) che è l’uno di San Vito con una gruetta solleva persone per fare entrare in acqua la persona con disabilità. Ahimè quel giorno la gruetta non funzionava per cui vi scrivo che c’è questo servizio  ma non posso certificarlo. Ho visto che c’era l’attrezzatura non l’ho vista in funzione.

Abbiamo fatto anche un escursione a Erice e Trapani visitando il bellissimo borgo medievale che non è esattamente accessibilissimo perché la strada è fatta di ciottolato. Per fortuna questo tipo di ciottolato è “quasi piano” ma per chi va in carrozzina manuale è veramente difficile spingersi ed essere spinti. Suggerisco o una carrozzina elettrica, oppure un forzuto :-). Mentre di Trapani abbiamo visto la cattedrale, il centro e zona portuale che sono molto accessibili, con scivoli e pavimentazione molto buona.

Un’altra escursione che abbiamo fatto stata alla valle dei Templi di Agrigento. Anche li non ci sono difficoltà perché è pavimentata bene e molto accessibile. All’interno della valle dei Templi c’è un bar con un bagno perfettamente accessibile.

L’ultima escursione che abbiamo fatto è stata Palermo con la magnifica cattedrale di stile Normanno molto accessibile e veramente da visitare perché merita.


Quel viaggio a Napoli

22
agosto

Facciata Palazzo Reale

Ciao a tutti, mi chiamo Marcello e vivo in un paesino in provincia di Torino. Ho 27 anni e sono paraplegico visto che a 19 anni ho avuto un incidente in auto. Da quel giorno il mondo mi è crollato addosso, non posso fare più tutto quello che facevo prima. Anche se familiari, amici, medici mi dicevano che oggi non è come un tempo, che avrei potuto fare tantissime cose anche se in carrozzina, io non credevo ad una sola parola. Mi sono chiuso in me stesso, non parlavo con nessuno, mi rifiutavo di vedere gli amici. Le mie giornate le passavo davanti alla tv e alla Playstation. Uscivo solo 3 volte a settimana per fare fisioterapia in una palestra.

E’ li che ho conosciuto un ragazzo di Napoli, anche lui in carrozzina per via di un incidente.

Stranamente sono stato io a ” disturbarlo” perchè lo vedevo triste e sempre giù di morale, cosí settimana dopo settimana siamo diventati amici. Era nel mio paese perchè da 3 anni suo padre aveva trovato lavoro li e si erano trasferiti.

Era gennaio di quest’anno che in un locale a bere una cioccolata calda abbiamo deciso che volevamo fare una gita a Napoli e dintorni solo noi due.

Io a Napoli non ero mai stato e la cosa mi piaceva, però sorgeva il problema di dove alloggiare per non spendere una cifra. Allora abbiamo optato di cercare delle case in affitto a Napoli e quella che più soddisfaceva le nostre esigenze l’abbiamo scelta.

Era un bilocale, piano terra, di 40 mq con cucina/soggiorno una camera con 2 lettini e il bagno con la doccia, nel bagno c’era una sedia pieghevole di plastica leggera che entrava dentro la doccia, era comoda per noi. La cucina era normale ma ci siamo arrangiati, per lo più si mangiava fuori.

Mi spiace non aver fatto le foto ma non conoscevo ancora questo sito…ma mi rifarò! 😉

Siamo stati una settimana e per lo più abbiamo girato per le strade vivendo Napoli e i napoletani doc. Ma non ci siamo fatti mancare alcuni musei.

Il primo è stato Il Palazzo Reale di Napoli, che con tutte le sue sale è immenso, la sala che più mi è piaciuta è stata la Sala del Trono dove il Re riceveva i suoi ospiti.

Non ci siamo fatti mancare ovviamente la maestosa Cattedrale.

Essendo d’estate è ovvio che il mare di Napoli doveva toccare i nostri corpi. Siamo andati a Marina di Camerota e con mia sorpresa molte spiagge erano attrezzate per disabili alcune anche con sedia job per fare il bagno, una goduria!

Dista circa 180 km da Napoli, meglio andare in auto.

Grazie per vermi letto e al prossimo racconto!


Momenti magici: il profumo del mare e un paesaggio straordinario esaltano i sapori di una cucina d’eccezione

9
aprile

Ristorante Accessibile a Palermo

Il SOLEMARCLUB, Ristorante, con un arredamento dalle linee essenziali, nella più squisita tradizione mediterranea, è inserito in un contesto di muratura bianca e dettagli dai colori naturali.

Dalla terrazza del SOLEMAR CLUB , lo sguardo domina il mare dalle incredibili striature verdi, turchesi e blu del Golfo di Palermo: un panorama mozzafiato che porta la mente a sognare di posti lontani, complice la cucina di questo nostro gioiello che rimanda a sapori mediterranei: una cucina d’autore che interpreta idee già esistenti e le elabora con creativi e intelligenti abbinamenti fra cibo e i suoi profumi, forme e colori.

Il ristorante, accogliente e ricercato, reinventa il modo di vivere pranzi e cene, accogliendo i suoi ospiti in un’atmosfera unica e facendo loro assaggiare pietanze condite con elementi cromatici, suoni, luce e poesia.

Il servizio accurato sposa professionalità e simpatia mantenendo, allo stesso tempo, un caldo ambiente familiare.

E dopo cena sarà  possibile concedersi il piacere di un drink, comodamente seduti nei nostri salotti, coccolati dalla musica.

Siamo pertanto a Vostra disposizione per realizzare tutte le iniziative che la Vostra organizzazione/associazione intende programmare: è la sede ideale per le vostre riunioni di lavoro, conferenze ed eventi;  il SOLEMAR CLUB è in grado di ospitare da 50 a 300 persone ed è dotato di sofisticate attrezzature tecnologiche audio/video.

Il ristorante è accessibile a disabili.

foto ingresso al solemar

sala ristorante

NOTA:

E’ possibile trascorrere una giornata al mare con lettini e ombrelloni a disposizione con il biglietto di ingresso scontato del 20% per i nostri associati. (muniti di tessera).

I proprietari del ristorante ci dicono anche:

…eventualmente per una bella vacanza abbiamo nei d’intorni anche dei b&b a buon prezzo e anche qualcosa in città nel centro storico, quindi se qualcuno dei vostri associati volesse venire a Palermo mi faccia sapere che gli organizziamo una bella vacanza!!!

Contatti:

Solemar Ristorante

Lungomare Cristoforo Colombo,
2109 – Palermo
Tel. +39 091.6849076
Mob. +39 328.1869130

P.iva 05466460820

Sito: www.solemarristorante.it

E-mail: info@solemarristorante.it


Esplora il sito

Sponsor
Soluzioni bagni disabili
Chi siamo

“Diversamente Agibile” nasce dal presupposto che nessuno meglio di chi ne usufruisce può recensire un servizio.

In questo caso si parla di accessibilità a strutture e attrazioni turistiche in genere (hotel, bar e ristoranti, musei, ecc...).

Ecco l'idea creare questo sito/blog dove raccogliere tutte le esperienze di persone disabili, con reportage scritti, fotografici e filmati dei loro viaggi, in modo da fornire informazioni utili ad altri disabili che vogliono frequentare gli stessi posti. Ovviamente ci potranno essere anche note negative se vi sono incontrate barriere architettoniche o disservizi. La collaborazione è il cuore di questo progetto.

Inoltre le strutture stesse ci possono informare sulla propria accessibilità, offrendo però qualcosa in più della semplice segnalazione che vediamo in molti siti web...

continua a leggere

Pagina Facebook
Omaggio ai nostri Soci
La nostra visita alle cantine di Montalcino al Castello Banfi
Alle Cantine di Montalcino