chiudi


Google+

Ultimi Articoli

Viaggio in Andalusia

3
giugno

foto di Siviglia

Sono un ammalato di sclerosi multipla di 67 anni e sono in carrozzina. Con mia moglie abbiamo fatto un viaggio in Andalusia nel maggio del 2014, e precisamente: quattro giorni a Siviglia, un giorno a Cordova andando in treno e due giorni a Granada sempre in treno, www.renfe.com

Prima di tutto un accenno agli alberghi: pur avendo visto sul sito e telefonato in anticipo in spagnolo per informarmi dell’accessibilità e delle predisposizioni in bagno, ho avuto la sorpresa in quello di Siviglia, comodissimo si in centro storico e con personale gentile e disponibile, ma dove ho dovuto arrangiarmi con qualche espediente per potermi lavare, invece al contrario la conferma delle premesse per quello di Granada (Hotel Párraga Siete), molto bello e ben arredato, accessibile e praticamente a 5 minuti a piedi dal centro. Quindi il consiglio è quello di informarsi bene e sperare. Non ho cambiato quello di Siviglia perché ormai sul posto avrei avuto più problemi.

Il soggiorno a Siviglia è stato molto bello come è bellissima la città. Abbiamo raggiunto dei picchi di temperatura di 39°C ma essendo aria secca li abbiamo assorbiti abbastanza bene, cercando anche di camminare all’ombra.

Tutta la città si gira molto bene con la carrozzina, fuori dal centro storico ci sono delle ciclabili lisce dove intelligentemente sono disegnati sia il classico simbolo del ciclista che quello della carrozzina, all’interno del centro storico le ciclabili sono segnate con delle borchie sulla pavimentazione esistente. La pavimentazione è di tipo molto vario: ci sono piastre lisce, mattonelle lisce intervallate con mattonelle di sassi di fiume, qualche, poche, stradina di sassi di fiume cementati e selciati di pietra; la città è in pianura ma lo spingitore si deve impegnare un po’ e lo scarrozzato balla un po’ e per visitare si cammina molto, ma ne vale la pena.

Consiglio di richiedere subito all’’ufficio del turismo in Plaza Nueva la pianta di Siviglia con i monumenti possibilmente in italiano ma anche in spagnolo va bene. Ci sono anche le mappe delle altre città importanti da visitare.

In rete si trovano molte guide di Siviglia e una interessante è quella di Paesionline.

Le bellezze da vedere sono molte e consiglio un tour con Sevilla Tour Sightseeing, i classici bus a due piani rossi che permettono di avere delle informazioni lungo il percorso anche in italiano, e di scendere alle varie fermate per andare a vedere dei monumenti in modo autonomo. Il biglietto che dura o 1 o 2 giorni comprende anche alcune visite gratuite e 4 percorsi a piedi con guida, in spagnolo e inglese, per alcuni quartieri caratteristici con stradine strette che sono da assaporare camminando. Gli autobus, sia questi che quelli pubblici, hanno il sistema manuale della pedana ribaltata dall’autista che non si inceppa mai, a differenza di quelle motorizzate. Attenzione ci sono anche dei bus verdi per il tour ma non sono accessibili.

Sono in vendita anche delle giornaliere di varia durata che comprendono degli accessi a vari monumenti e posti da visitare: fare attenzione perché sono legate all’organizzazione dei bus non accessibili e non prevedono riduzioni o in alcuni casi gratuità per la nostra situazione; in alcuni posti, vedi Alcazar, l’ingresso è prioritario, è necessario farsi riconoscere; è da portare sempre un certificato di invalidità.

Il giro “In battello sul Guadalquivir” consiste in un avanti e indietro per un’ora sul fiume, ci si rende conto della posizione delle strutture lungo il fiume per avere un’idea in generale ma se ne può fare benissimo a meno, anche perché nel ponte basso, l’unico utilizzabile in carrozzina, gli occhi vedono principalmente la sponda.

Attenzione i battelli accessibili sono quelli della compagnia verde.

I tour con guida sono principalmente in inglese e spagnolo, per l’italiano si deve cercare un gruppo organizzato o una visita privata. Per le visite principali, Cattedrale, Alcázar, consiglio una guida; noi abbiamo trovato già dall’Italia, e ve lo consiglio molto caldamente, Francesco Soriquez, bolognese nonostante il cognome, da 8 anni a Siviglia perché ha sposato una sivigliana: +34.627.697758, yourgudeinseville@gmail.com; è molto competente e fa vedere aspetti particolari e approfonditi di quello che si visita, in base ai propri interessi.

Ha svolto il suo compito in modo molto più completo che una semplice guida: forse per affinità di madrelingua.

È assolutamente da non perdere la visita alla Cattedrale, la terza per grandezza nel mondo, con annessa torre della Giralda; purtroppo questa non è accessibile per via delle decine di gradoni per arrivare ai 70 metri, dove ci vuole una spinta poderosa per la carrozzina.

L’Alcazar è da non perdere. Non è completamente accessibile ma dove possibile ci sono pedane per i vari gradini; per noi l’ingresso è gratuito e prioritario.

Non si può mancare a uno spettacolo di flamenco; noi siamo andati al Museo del Baile Flamenco dove ci sono due spettacoli serali della durata accettabile di 1 ora scarsa; molto coinvolgente; è meglio andare in anticipo per trovare posti avanti.

Attenzione alla Torre de los Perdigones, molto interessante secondo le guide, ma non accessibile per via degli ultimi 8 gradini dopo l’ascensore.

Siviglia è tutta da gustare e godere per l’atmosfera e anche la gentilezza e disponibilità degli abitanti.

Cordova: un giorno con viaggio in treno comodissimo, il servizio della pedana lo chiedono direttamente in biglietteria e come in Italia si deve andare al punto d’incontro 30’ prima. I treni sono più bassi dei nostri quindi si tratta di salire praticamente un gradino abbondante.

Anche Cordova si può girare bene a piedi solo che il centro storico, la parte da visitare, è in collina e quindi il sali e scendi in selciato appesantisce la spinta. È bella soprattutto per i suoi angoli caratteristici le viuzze della Juderia da girare e le caratteristiche case con vasi di fiori appesi sui muri. Stupenda e immensa è la Cattedrale dell’Immacolata Concezione di Maria Santissima e Moschea, completamente accessibile. È il “simbolo della città”. Esternamente, e anche in buona parte internamente, è una moschea a tutti gli effetti. La Cattedrale gotica è stata costruita all’interno.

Anche per Cordova in rete si trovano piante e percorsi di visita consigliati, tutti all’interno del centro storico.

Attenzione che la Sinagoga è aperta solo al mattino contrariamente a quello che si trova in rete dichiarato.

L’Alcázar non è accessibile per nulla.

Volendo c’è un tour gratuito di un paio d’ore a piedi con giovani laureati volontari, solo per l’esterno, che parte alle 10.30 da Plaza de las Tendillas.

Granada: due giorni in treno, ci vogliono 3 ore di viaggio non essendoci l’alta velocità ma convogli assimilabili ai diretti, con orario di partenza da Siviglia del primo non comodissimo.

Granada attira soprattutto per l’Alhambra magnifico complesso con un’architettura araba unica. Purtroppo non è completamente accessibile ma la porzione che si può visitare con la sedia direi che può essere sufficiente. La prenotazione on-line va fatta molto tempo prima perché l’ingresso è contingentato, quando sono andato io erano 7.700 ingressi al giorno ad orari fissi. Non so se ci sono riduzioni perché non ho trovato numeri di telefono per informazioni, perché l’unico trovato era quello delle prenotazioni ed era importante prenotare per non correre rischi di non poter entrare.

All’Alhambra si va utilizzando i minibus attrezzati dalla Cattedrale (n. 30).

Bella e caratteristica anche Granada ma purtroppo la zona interessante e consigliata da visitare dove si trovano anche gran parte dei palazzi è l’Albayzin, Patrimonio Mondiale dell’Unesco, leggendo tutte le guide è indispensabile visitarla, ha un unico problema: è una collina con buone pendenze, con le strade selciate. Non mi ero preparato per questa situazione e quindi i miei giri per Granada sono stati limitati alla Cattedrale e a tutti i quartieri limitrofi, con aspetti caratteristici.

In effetti organizzandosi in anticipo si può girare Albayzin con un minibus (n. 31) scendendo e risalendo dove si pensa sia il caso, in questo caso informarsi per un abbonamento dato che la corsa non a tempo costa ogni volta 1.2 €. Si trova in rete anche la mappa dei percorsi degli autobus (http://www.transportesrober.com/transporte/lineas.htm). Con questo mezzo sono stato al Belvedere di San Nicolás, che offre le migliori viste dell’Alhambra che permettono di ottenere un’immagine globale dell’insieme monumentale; bellissimo posto con musica gitana; l’unico problema sono gli ultimi 200 m dalla fermata del bus al piazzale che sono con una notevole pendenza con due curve e con il fondo in ciottoli di fiume cementati: devo ringraziare sia per la salita che, soprattutto per la discesa pericolosa, la presenza di due giovani volenterosi e robusti.

Anche qui è presente un Bus turistico City-Sightseeing GRANADA.

Sperando che queste brevi note possano essere utili almeno in parte auguro buon viaggio in questa meta veramente meritevole per i molti luoghi Patrimonio dell’Umanità.

Autore: Italo.


Silvia ci racconta la Siviglia accessibile

6
dicembre

Caro Max, eccomi qui a parlarti del mio viaggio per il turismo accessibile a Siviglia e dell’accessibilità di tale città.

piazza-siviglia

Luogo incantevole e magico in cui concedersi uno stacco dalla quotidianità e dalla frenesia cittadina a cui ormai sembriamo essere sottomessi. Il silenzio si respira già all’aeroporto, piccolo e accogliente, perciò anche facile da gestire in termini di assistenza alle persone disabili. Comunque, procediamo con ordine!

La compagnia aerea con cui ho volato è la vueling, una compagnia spagnola abbastanza economica. Devo fare però un appunto a tale compagnia: quando si vuole prenotare on line il biglietto, non esiste nessuna opzione da selezionare per indicare che uno dei passeggeri è disabile. Spulciando tra le informazioni del sito www.vueling.com si scopre che le persone disabili possono tranquillamente prenotare il biglietto on-line con l’impegno di avvertire la compagnia aerea almeno 48h prima della partenza che si è affetti da qualche patologia. Il numero da contattare è 199 308830.

Bene, questo numero è una fregatura! Nonostante la voce guida continui a sostenere che il numero è attivo a tutte le ore di tutti i giorni della settimana, la chiamata si interrompe sistematicamente nello stesso punto, dopo averti spillato 37 centesimi! Per cui, dopo aver speso circa 3 euro di tentativi, ho deciso di andare direttamente a Fiumicino a sbrigare la faccenda! Solamente il personale dell’aeroporto ha nel proprio computer l’opzione biglietti per disabili a quanto pare!

E questo non va bene! In ogni caso passiamo a parlare di cose decisamente più piacevoli:

siviglia

Siviglia! Un capolavoro di armonia e buon gusto, in cui i marciapiedi hanno (quasi) sempre gli scivoli a norma e le macchine non sono MAI posteggiate proprio sulle rampette. I negozi, soprattutto quelli del centro della città, sono tutti a due piani dotati di ascensore interno. I semafori hanno i classici colori verde e rosso ma, al posto dell’arancione, possiedono un timer di conto a rovescia che indica quanti secondi mancano allo scattare del rosso successivo. Direi molto comodo per chi si muove con una certa lentezza e non sa mai se osare, passare con l’arancione e rimanere spiaccicato sotto un’auto in corsa, oppure se starsene bello fermo in attesa del verde successivo.

Come già sperimentato in altri luoghi spagnoli, le strade sono molto ampie e ciò contribuisce ad una maggiore scorrevolezza del traffico e ad un minore caos generale! Inoltre il centro è abbastanza piccolo e si gira tranquillamente a piedi senza dover usufrire necessariamente dei mezzi pubblici. Gli autobus sono tutti nuovi e dotati di pedana. La cosa più geniale è nell’idea alla base del funzionamento di questi maledetti aggeggi infernali che qui in Italia si rompono sempre: immaginate delle pedane di legno come delle botole incastonate nel pavimento interno dell’autobus. Immaginate un autista che appena vi vede ferma l’autobus,scende, viene da voi, solleva la pedana con un apposito gancio e la ribalta verso l’esterno. Et voilà! Il gioco è fatto, voi salite e la pedana viene rimessa al suo posto! A questo punto inizio a rimpiangere i tempi in cui la tecnologia non esisteva! Biglietto gratuito per disabile e accompagnatore!

siviglia-ponte

Passiamo all’Hotel. La caratteristica di Siviglia sono i vicoletti, abbastanza stretti e molto silenziosi. Il vantaggio assoluto del nostro hotel è che esso si trova a due passi dalla piazza centrale, ma in uno di questi meravigliosi vicoli giallo ocra, bianchi e rossi. Così in un attimo potevamo tornare “alla base” a posare i frutti del nostro shopping compulsivo e in un attimo eravamo di nuovo in centro ad esplorare nuovi posti.

Il nome dell’Hotel accessibile è San Francisco (Calle Álvarez Quintero 38 41004 Sevilla, Spain 95 450 15 41), è dotato di una camera a piano terra con due letti singoli ed un bagno attrezzato per disabili con maniglioni accanto al WC e sedile dentro la doccia. Unica pecca è un piccolo gradino all’entrata della doccia. Il costo è ottimo, 25 euro a testa per notte (Prezzi aggiornati a novembre 2009). Personale cordiale e gentile. Ottima pulizia.

Infine la città è molto pianeggiante, alterna zone a pavimentazione nuova a zone più antiche ricche di sampietrini! Perciò armatevi di santa pazienza perché per vedere certe zone (tra cui il Barrio antico, stupendo!) non avrete scampo! Credetemi, ne vale la pena!

Silvia.

p.s. Silvia è una nostra Socia, eccola nel nostro bellissimo album Soci | QUI |

Note della Redazione:

Ricordiamo come sempre che i disabili non sono fatti con lo stampino e ognuno ha quindi le proprie esigenze, chiediamo dunque di non esitare a farci domande a cui sicuramente Silvia vi risponderà.

Un grazie di cuore alla nostra cara Silvia.


Esplora il sito

Sponsor
Soluzioni bagni disabili
Chi siamo

“Diversamente Agibile” nasce dal presupposto che nessuno meglio di chi ne usufruisce può recensire un servizio.

In questo caso si parla di accessibilità a strutture e attrazioni turistiche in genere (hotel, bar e ristoranti, musei, ecc...).

Ecco l'idea creare questo sito/blog dove raccogliere tutte le esperienze di persone disabili, con reportage scritti, fotografici e filmati dei loro viaggi, in modo da fornire informazioni utili ad altri disabili che vogliono frequentare gli stessi posti. Ovviamente ci potranno essere anche note negative se vi sono incontrate barriere architettoniche o disservizi. La collaborazione è il cuore di questo progetto.

Inoltre le strutture stesse ci possono informare sulla propria accessibilità, offrendo però qualcosa in più della semplice segnalazione che vediamo in molti siti web...

continua a leggere

Pagina Facebook
Omaggio ai nostri Soci
La nostra visita alle cantine di Montalcino al Castello Banfi
Alle Cantine di Montalcino