chiudi


Google+

Ultimi Articoli

Momenti magici: il profumo del mare e un paesaggio straordinario esaltano i sapori di una cucina d’eccezione

9
aprile

Ristorante Accessibile a Palermo

Il SOLEMARCLUB, Ristorante, con un arredamento dalle linee essenziali, nella più squisita tradizione mediterranea, è inserito in un contesto di muratura bianca e dettagli dai colori naturali.

Dalla terrazza del SOLEMAR CLUB , lo sguardo domina il mare dalle incredibili striature verdi, turchesi e blu del Golfo di Palermo: un panorama mozzafiato che porta la mente a sognare di posti lontani, complice la cucina di questo nostro gioiello che rimanda a sapori mediterranei: una cucina d’autore che interpreta idee già esistenti e le elabora con creativi e intelligenti abbinamenti fra cibo e i suoi profumi, forme e colori.

Il ristorante, accogliente e ricercato, reinventa il modo di vivere pranzi e cene, accogliendo i suoi ospiti in un’atmosfera unica e facendo loro assaggiare pietanze condite con elementi cromatici, suoni, luce e poesia.

Il servizio accurato sposa professionalità e simpatia mantenendo, allo stesso tempo, un caldo ambiente familiare.

E dopo cena sarà  possibile concedersi il piacere di un drink, comodamente seduti nei nostri salotti, coccolati dalla musica.

Siamo pertanto a Vostra disposizione per realizzare tutte le iniziative che la Vostra organizzazione/associazione intende programmare: è la sede ideale per le vostre riunioni di lavoro, conferenze ed eventi;  il SOLEMAR CLUB è in grado di ospitare da 50 a 300 persone ed è dotato di sofisticate attrezzature tecnologiche audio/video.

Il ristorante è accessibile a disabili.

foto ingresso al solemar

sala ristorante

NOTA:

E’ possibile trascorrere una giornata al mare con lettini e ombrelloni a disposizione con il biglietto di ingresso scontato del 20% per i nostri associati. (muniti di tessera).

I proprietari del ristorante ci dicono anche:

…eventualmente per una bella vacanza abbiamo nei d’intorni anche dei b&b a buon prezzo e anche qualcosa in città nel centro storico, quindi se qualcuno dei vostri associati volesse venire a Palermo mi faccia sapere che gli organizziamo una bella vacanza!!!

Contatti:

Solemar Ristorante

Lungomare Cristoforo Colombo,
2109 – Palermo
Tel. +39 091.6849076
Mob. +39 328.1869130

P.iva 05466460820

Sito: www.solemarristorante.it

E-mail: info@solemarristorante.it


Osteria dell’Arco ad Alba: accessibile e bagno attrezzato

2
dicembre

Grazie ai nostri amici di osteriesenzainsegne vi segnaliamo un osteria accessibile ad Alba Cuneo (CN) provvista di bagno attrezzato e ingresso agibile. Lasciamo la parola ai nostri esperti per quanto riguarda l’appetibilità del cibo proposto, noi ci fidiamo ed essendo accessibile anche a disabili motori, andremo ad assaggiare!!

Non c’è momento migliore per arrivare ad Alba (Cuneo) che durante la Fiera del Tartufo. Il paese pullula di gente e ovunque “spuntano” banchetti di commercianti che con la loro bilancina pesano e vendono il famoso fungo. Il 2010 è anche l’anno in cui ricorre l’80° anniversario della famosa fiera che ha visto negli anni alternarsi numerosi e illustri ospiti d’onore, venuti da tutto il mondo per celebrare il diamante d’Alba.

A Piazza Savona, cuore mondano della città, in un grazioso cortiletto interno si trova l’Osteria dell’Arco, locale clonato dal più famoso Boccondivino di Bra. All’esterno davanti all’ingresso su due grandi cavalletti sono esposti il menù alla carta e i menù degustazione proposti. Ci sono due menù fissi a base di tartufo, uno da 45€ (tartufo nero) e uno da 70€ (tartufo bianco) per chi non vuole perdere l’accasione di assaggiarlo in tutte le sue combinazioni (persino col gelato alla crema), ma è possibile richiedere anche solo la famosa “grattata” su un piatto a scelta al prezzo di 30€.

L’interno del locale è elegante, la tradizione del mobilio classico si contrappone ai moderni controsoffitti con i faretti incassati e alle vetrine climatizzate che ospitano le numerose etichette proposte. Il servizio è competente e veloce.

Non scegliamo un menù degustazione, optiamo per gustare anche piatti tipici e ci accontentiamo di assaggiare il tartufo solo su un ottimo primo dove il tartufo nero, nonostante sia meno pregiato e profumato regala comunque un gusto sfizioso ed originale al piatto.

Assaggiamo due antipasti: tortino di pasta sfoglia con i porriinsalatina di pollo, di primo scegliamo gnocchi di castagne con Castelmagno e tartufo nerotajarin burro e salvia (con questi ultimi però ci siamo pentiti di aver preferito seguire la tradizione invece di scegliere la versione con sugo di salsiccia perchè erano un po’ “insignificanti”, soprattutto per chi come noi è abituato ai sapori intensi della cucina emiliana). La scelta del secondo (uno solo, io ho deciso di chiudere il mio pranzo con il dolce) è caduta su un ottimo brasato al Barolo con purè, morbido e gustosissimo. Il dolce, una panna cotta al caramello con le pere, era così buona da farmi desiderare quasi il bis. Il tutto accompagnato da un buon nebbiolo.

Non possiamo dunque che uscire soddisfatti dall’Osteria dell’Arco, uno dei ristoranti slow food più celebri d’Italia.

Questo il bagno:

Fonte: www.osteriesenzainsegne.com

Per informazioni e prenotazioni:

Osteria dell’Arco
P.zza Savona, 5 Alba (CN)
tel.0173 363974
chiuso: domenica
orario: mezzogiorno e sera
http://www.osteriadellarco.it/

/////// SPOT



Ristorante Accessibile Self Service a Fano

8
ottobre

Per i ristoranti accessibili eccovi a segnalarvi un Self Service a Fano grazie ai nostri amici di www.osteriesenzainsegne.com

Di ritorno dalle ferie, per consolarci dalla tristezza del rientro, scegliamo di fermarci a mangiare in un altro ristorante della guida slow food.

Scegliamo il ristorante self-service “Al Pesce Azzurro” un locale famoso a Fano per la buona cucina, il buon prezzo, ma anche per l’infame rogo che lo ha colpito all’inizio di questa estate. Il locale (che apre solo nella stagione estiva) ha riaperto il 14 Luglio e si trova in prossimità del porto. Nasce come iniziativa della Cooperativa Pescatori “Coomarpesca” finalizzata a migliorare e valorizzare tutte le attività della marineria fanese attraverso la promozione conoscitiva, gastronomica e commerciale del pesce azzurro. Non mi soffermo a raccontare la storia di come è nato questo particolare ristorante (che però consiglio di andare a leggere su Pesce Azzurro) perché preferisco raccontare com’è e cosa abbiamo mangiato.

Il locale dall’ingresso singolare e suggestivo, che ricorda un’antica imbarcazione, è all’interno molto semplice e spartano. Ha le caratteristiche tipiche di un self service e la sala da pranzo è collocata sotto una grande struttura metallica coperta da un telone. Le persone in fila sono tante ma il servizio è molto veloce quindi l’attesa non è lunga. Presi vassoio, posate (di plastica) e bicchiere si passa davanti al bancone su cui si trovano porzioni di varie pietanze preparate in vaschette di plastica rettangolari. Le porzioni sono abbastanza abbondanti e in tutto vengono serviti due antipasti, un primo e due secondi. I piatti proposti sono fissi, viene servita una porzione per ogni portata con aggiunta di acqua, vino e pane e variano giornalmente (sono prestabiliti già mesi prima). Sul loro sito è possibile scaricare un file in cui sono elencati giorno per giorno i piatti previsti.

Dopo aver pagato la modesta cifra di 10 € a testa, andiamo a cercare un posto nella grande sala dove si trovano 4 file di tavoli allineati per un totale di circa 950 posti. Ci sediamo e cominciamo a mangiare. Se il caldo è scoraggiante non lo è altrettanto la cucina. Il nostro menù prevedeva: sardoncini marinati all’aceto ed ascolana di pesce come antipasto, maccheroncini alla lupo di mare come primo e grigliata azzurra ed insalatina di mare come secondi. Non aspettatevi tovaglie, posate o bicchieri raffinati, perché questo non è il posto. E’ una mensa a tutti gli effetti, dal servizio ai tavoli per sedersi. Però è davvero un’ottima idea fermarsi quando si è di fretta o quando si vuole spendere poco mangiando tanto e bene.

  • Bagno Accessibile

Potete leggere la recensione completa qui:

www.osteriesenzainsegne.com

Indirizzo:

Al Pesce Azzurro
COOMARPESCA Società Cooperativa
Viale Adriatico, 48 Fano (PU)
Tel. 0721 801327 – 823644
chiuso: lunedì (mai ad agosto)
orario: mezzogiorno
http://www.pesceazzurro.com/


Enoteca La Baita a Faenza Accessibile a Disabili

1
6
agosto

Continuiamo nel percorso Turismo Accessibile e Ristoranti Accessibili grazie ai nostri amici di osteriesenzainsegne che ci segnalano l’Enoteca La Baita a Faenza (RA) con bagno attrezzato. Intanto leggiamo l’articolo sulla qualità gustativa dell’Enoteca.

Nonostante le cattive previsioni, decidiamo di sfidare il tempo e finito di lavorare ci avviamo alla volta del mare, destinazione riviera Romagnola. Passando per Faenza pensiamo di fare tappa in uno dei ristoranti della guida. E’ la volta dell’osteria-enoteca La Baita. Situato nel centro storico di Faenza, si apre sulla strada con due grandi vetrine che permettono di sbirciare all’interno e lasciarsi tentare dall’aspetto originale e curioso del locale. Arriviamo in tarda serata ma la cucina è comunque aperta. Il locale è pieno e abbiamo rischiato (non avendo prenotato) di dover aspettare per sederci. Fortunatamente un piccolo tavolo a lato del bar con affaccio sulla vetrina è libero e ci sediamo subito. All’ingresso si trova un grande bancone frigo con formaggi e salumi di ogni tipo. Esposti su scaffali, barattoli, conserve e marmellate di ogni genere, originali e inconsuete, ti incuriosiscono e invitano a provarli. Oltrepassato lo spazio dedicato alla gastronomia si accede a tre piccole salette (una sessantina di coperti in totale) e con la bella stagione ad una corte interna.

Nata circa 30 anni fa come negozio di alimentari, La Baita da tempo è divenuta una celebre enoteca con cucina. Con le sue 1800 etichette in carta, conserva nelle sue cantine champagne, spumanti, grandi bianchi e rossi italiani ed esteri. Offre tra le tante prelibatezze, più di 80 tipi di salumi e 270 di formaggi. Ad aspettarci sul tavolo una ciotolina di ciccioli frolli romagnoli (più morbidi dei nostri modenesi, meno cotti e con meno alloro) e pane. Il menù varia di sera in sera e propone piatti della tradizione a volte rivisitati in chiave originale. La pasta è fatta in casa e i prodotti freschi e genuini, molti provenienti da presidi.

La scelta non è facile ma alla fine ci facciamo conquistare da Spoja lorda al fresco di rucola e speck (Spoja lorda, con un nome così non si può che immaginare qualcosa di gustoso) e strichet ai calamari e zucchine su crema di mare (farfalle di pasta fresca con un sugo delizioso e calamari morbidissimi, da provare sul serio). Come secondo, rotolo di polipo e gamberi su mesticanza di campo in vinaigrette all’arancio (una sorta di aspice ma con un quantitativo notevole di pesce, morbido e fresco, ideale soprattutto in estate) epesce spada con verdure fresche di stagione (il più buono che abbia mai mangiato, saporito ma semplice e cotto al punto giusto). Mi faccio tentare anche dalla mousse di fragole fresche. Ottima tentazione! Caffè e amari per chiudere.

Per quanto riguarda il vino ci siamo fatti consigliare dall’oste (Robertone per gli amici, Roberto Olmeti all’anagrafe), un omone molto cortese, simpatico e competente, che a fine serata si siede su una grande sedia posta vicino alla cucina e saluta goliardo i clienti che non possono fare a meno di congratularsi e promettere di tornare…

Questo invece il bagno:

lavabowc accessibile

Per informazioni:

foto baita

La Baita
via Naviglio 25, Faenza (RA)
tel.0546 21584
chiuso: domenica e lunedì
orario: mezzogiorno e sera

Prezzi e Menù:

osteriesenzainsegne


Antica Trattoria della Gigina a Bologna con bagno attrezzato a disabili

1
20
giugno

Per il Turismo Accessibile a Tutti non può mancare anche segnalazioni su ristoranti accessibili, soprattutto con bagno attrezzato per disabili. Grazie hai nostri amici di osteriesenzainsegne.com abbiamo iniziato una collaborazione che ci porterà a conoscere questi ristoranti ed avere anche foto dell’accessibilità.

foto ristorante

Iniziamo da questa Trattoria che si trova a Bologna, è “l’Antica Trattoria della Gigina” che possiede un bagno attrezzato a disabili. Lo vediamo sotto:

foto bagno accessibile

foto bagno trattoria accessibile

Il ristorante ha l’entrata principale con 1 scalino ma nel caso di carrozzine c’è l’entrata secondaria con una pedana mobile.

Per quanto riguarda la qualità della cucina, rimandiamo a chi se ne intende più di noi, i nostri amici Michela e Davide, questa la sua recensione: osteriesenzainsegne

Informazioni e contatti della trattoria:

Antica Trattoria della Gigina
via Stendhal 1, Bologna
tel.051 322300
non ha giorno di chiusura
orario: mezzogiorno e sera
http://www.trattoriagigina.it/


Il Gambero Rosso segnala i locali accessibili anche su iPhone

8
gennaio

Per il turismo accessibile non si può certo trascurare i ristoranti! e se per gli hotel accessibile più semplice trovare informazioni, con noi ora ancor di più 😉 , non si può dire altrettanto riguardo l’accessibilità dei ristoranti. Ci viene incontro ancora una volta la tecnologia legata ad un nome famoso nel mondo della ristorazione: il Gambero Rosso. Famosa è altrettanto la tecnologia di cui vi vogliamo parlare, il gioiellino di casa Apple: l’iPhone.

L’altro giorno ho scaricato l’applicazione appena nata che riguarda proprio la lista dei ristoranti scelti dallo staff del Gambero Rosso. L’applicazione creata da 01design è veramente ben fatta e offre la chicca della “realtà aumentata” che significa il poter avere informazioni su locali vicini a dove ci troviamo soltanto inquadrando una strada, un luogo, con il nostro iPhone! Veramente molto comodo.

L’utilità che però maggiormente c’interessa è quella che vedete sotto:

Avete notato? ci sono i simboli relativi all’accessibilità del locale, in questo caso se ne possono notare 2 che stanno a significare locale accessibile ma meglio con accompagnatore.

Direi molto utile e voglio sottolineare, come ci ha confermato Carlo Ottaviano, direttore editoriale esecutivo del Gambero Rosso, che le segnalazioni ci sono anche sulla guida cartacea.

Noi però non ci vogliamo certo fermare qui, che comunque è un ottimo punto di partenza, ma abbiamo deciso di tentare di avere immagini dell’accessibilità di ogni locale recensito sul Gambero Rosso, o almeno più possibili, non perchè non ci fidiamo ma per il nostro motto che un’immagine vale più di mille parole ;-). Per far ciò chiederemo aiuto anche a Voi utenti, magari segnalandovi il ristorante della vostra città così da farci un sopralluogo.

Un esempio è il ristorante “Il Garibaldi Innamorato” che si trova nella mia città a Piombino (LI), recensito dal Gambero Rosso e con le icone sull’accessibilità, quale miglior occasione per mostrarvi un esempio di verifica di tale accessibilità, questo è il bagno e l’entrata:

Come potete vedere il bagno è perfettamente accessibile, l’entrata del ristorante ha un piccolo scalino ma il gestore ci ha tranquillizzati che hanno una pedana da mettere in caso di bisogno.

Ottaviano ci ha comunicato che l’accessibilità viene dichiarata dai locali tramite un questionario e che il loro staff verifica poi che sia realmente accessibile. Grazie a queste informazioni e grazie al nostro modo di verificare, sicuramente troveremo molti locali accessibili e che si mangia bene 😉

p.s ovviamente ci sono anche altri ristoranti accessibili in ogni città, pure a Piombino, ma qui parliamo di quelli inseriti nella guida del Gambero Rosso, al resto ci dobbiamo pensare tutti noi 😉

Grazie a Carlo Ottaviano, il suo staff e 01design.


Esplora il sito

Sponsor
Soluzioni bagni disabili
Chi siamo

“Diversamente Agibile” nasce dal presupposto che nessuno meglio di chi ne usufruisce può recensire un servizio.

In questo caso si parla di accessibilità a strutture e attrazioni turistiche in genere (hotel, bar e ristoranti, musei, ecc...).

Ecco l'idea creare questo sito/blog dove raccogliere tutte le esperienze di persone disabili, con reportage scritti, fotografici e filmati dei loro viaggi, in modo da fornire informazioni utili ad altri disabili che vogliono frequentare gli stessi posti. Ovviamente ci potranno essere anche note negative se vi sono incontrate barriere architettoniche o disservizi. La collaborazione è il cuore di questo progetto.

Inoltre le strutture stesse ci possono informare sulla propria accessibilità, offrendo però qualcosa in più della semplice segnalazione che vediamo in molti siti web...

continua a leggere

Pagina Facebook
Omaggio ai nostri Soci
La nostra visita alle cantine di Montalcino al Castello Banfi
Alle Cantine di Montalcino