chiudi


Google+

Ultimi Articoli

Il finale del viaggio interrail di Toppe: Berlino e Norimberga

19
settembre

Eccovi la parte finale del viaggio della nostra amica Toppe in interrail, le prime due parti potete leggerle QUI e QUI. Il suo lungo viaggio è stato sicuramente a tratti difficile e non molto accessibile ma questo non vuol dire che un disabile non possa avventurarsi anche dove l’accessibilità non è perfetta. Siamo o non siamo anche noi avventurieri? 😉

Berlino:

Ho alloggiato per due giorni in un ostello, il Lette’m sleep. All’entrata c’è un gradino; la mia stanza – con una porta tagliafuoco a dire il vero un po’ pesante – era al piano terra, così come il bagno per disabili.

lette sleep

La doccia è abbastanza accessibile; mi hanno detto di avere addirittura la sedia a rotelle per doccia, ma in quel momento era rotta e mi hanno fornito una normale sedia di plastica, anche in questo caso ben stabile contro il muro.

bagno

Poi ci siamo trasferiti in un appartamento, all’indirizzo Kurfürstenstrasse 72, 10787 Berlin, Berlin-Tiergarten, City West (questo ed altri appartamenti sono prenotabili su accomodation-berlin.org).

E’ ampio e confortevole, con due stanze da letto e una cucina ben fornita di elettrodomestici; nel palazzo c’è un comodo ascensore.

Purtroppo il bagno non è per disabili, infatti il water è incastrato tra il muro e il lavandino; tuttavia sono riuscita ad affiancarmi un po’ di sbieco, sul davanti. La doccia è in una stretta cabina chiusa e rialzata… preparatevi a lavarvi nel lavandino!

Trasporti:

Informazioni e mappe dei trasporti senza barriere (in inglese):

http://www.bvg.de/index.php

A Berlino la difficoltà maggiore non sarà trovare trasporti accessibili, ma… orientarsi: la rete è enorme e intricata per un italiano… provinciale! Controllate sempre a che linea portano i vari ascensori; mettete in conto di sbagliarvi e girare un po’ per i lunghi corridoi.

Ad esempio: se nella stazione centrale Hauptbanhof volete prendere la U2 verso AlexanderPlatz, vi troverete sconfortati di fronte a una scalinata… anche se non vedrete nessuna indicazione in merito, l’ascensore c’è: si trova percorrendo tutto il corridoio della U5.

Norimberga:

Anche a Norimberga abbiamo alloggiato in un ostello Lette’m sleep. All’ingresso c’è un gradino; poco più avanti ce ne sono altri due, insieme, superabili tramite una rampa “mobile” (ovvero due lastre di metallo a “larghezza ruota” da sistemare sui gradini) che viene lasciata appesa al muro e deve essere presa all’occorrenza.

ostello norimberga

L’ascensore è di medie dimensioni e ha una porta da aprire manualmente. Il bagno per disabili è in comune (ma prima del mio arrivo lo tenevano chiuso a chiave) e, nel mio caso, si trovava su un altro piano rispetto a quello dov’era la nostra stanza (in ogni caso si può raggiungere in autonomia, usando l’ascensore).

L’entrata del bagno è curiosamente “in salita”, creando il dislivello visibile nella foto:

bagno disabili norimberga

Il vano della doccia può sembrare stretto, ma ci si può collocare una sedia e affiancarvi la carrozzina, rimanendo un po’ di sbieco.

doccia norimberga

Il centro di Norimberga è davvero piccolo e si gira tranquillamente a piedi. In ogni caso, non riuscirete a trovare nessuna mappa sull’accessibilità della metro di Norimberga: semplicemente perché – tenetevi forte – qui tutte le stazioni sono accessibili.

Quindi… rilassatevi e buon viaggio.

note-della-redazione

I dati sulle varie accessibilità sono stati forniti dalle fonti citate nell’articolo, facciamo presente che i disabili non sono creati con lo stampino e quindi ci possono essere delle esigenze differenti anche con malattie simili. Consigliamo dunque di non esitare a chiedere ulteriori informazioni lasciando commenti oppure scrivendo alla redazione, sicuri e speranzosi di avere la gentilezza dell’autore dei reportage di darci altre informazioni se in suo possesso.


Esplora il sito

Sponsor
Soluzioni bagni disabili
Chi siamo

“Diversamente Agibile” nasce dal presupposto che nessuno meglio di chi ne usufruisce può recensire un servizio.

In questo caso si parla di accessibilità a strutture e attrazioni turistiche in genere (hotel, bar e ristoranti, musei, ecc...).

Ecco l'idea creare questo sito/blog dove raccogliere tutte le esperienze di persone disabili, con reportage scritti, fotografici e filmati dei loro viaggi, in modo da fornire informazioni utili ad altri disabili che vogliono frequentare gli stessi posti. Ovviamente ci potranno essere anche note negative se vi sono incontrate barriere architettoniche o disservizi. La collaborazione è il cuore di questo progetto.

Inoltre le strutture stesse ci possono informare sulla propria accessibilità, offrendo però qualcosa in più della semplice segnalazione che vediamo in molti siti web...

continua a leggere

Pagina Facebook
Omaggio ai nostri Soci
La nostra visita alle cantine di Montalcino al Castello Banfi
Alle Cantine di Montalcino