chiudi


Google+

Ultimi Articoli

Hotel Accessibili in Thailandia

7
agosto

Thailandia

Agenzia Viaggi Anywhere segnala che tramite i nostri viaggi si possono trovare Hotel Accessibili a disabili.

Ecco i nomi:

  • Buddy Oriental Samui Lamai Beach 3***
  • Superior Ibis Bohphut 3***
  • Impiana Hotel 4****

Anywhere Viaggi funziona anche come un’efficiente agenzia viaggi: prenotazioni alberghiere in qualsiasi catena in tutto il mondo, tariffe aeree di qualsiasi compagnia, assicurazioni viaggi e polizze volo.

Offerte personalizzate. Costruiamo una vacanza secondo le tue esigenze e desideri. Scegliamo non solo voli e alberghi, ma anche escursioni, ristoranti, noleggi di auto e di barche. Abbiamo un filo diretto con le compagnie aeree e le strutture ricettive e ti assisteremo durante tutta la vacanza.

Profonda conoscenza delle destinazioni. Non rivendiamo i soliti pacchetti pronti che trovate nelle altre agenzie di viaggio. Selezioniamo attentamente le compagnie aeree migliori e testiamo di persona tutte le strutture che vi ospiteranno (hotel, guesthouse, resort, appartamenti).

La Thailandia è una terra dai forti contrasti paesaggistici: al nord foreste lussureggianti, lungo le coste la giungla, al sud le spiagge bianchissime. È un paese ideale per viaggi da sogno, facile da visitare, fatto di persone dolci, sempre sorridenti e rispettose. È una nazione che è stata in grado di progredire mantenendo intatte le sue tradizioni. Bangkok, la porta dell’oriente, è la più affascinate delle metropoli asiatiche: strade trafficate e grandi piazze si alternano a sonnolenti canali e silenziosi monasteri.

Oggi esistono strutture per vacanze con offerte adeguate a tutte le tasche. Guarda le offerte Thailandia e scegli la tua preferita.

Risparmia fino al 50% sul prezzo finito. Guarda in “offerte” gli ultimi itinerari che abbiamo preparato per i nostri clienti e confronta i prezzi delle altre agenzie. Chiedici un preventivo senza impegno: riceverai la risposta entro 24-48 ore. Ci sono super offerte per la Thailandia ( bangkok e phuket ) con partenza da Milano e Roma con voli Thai.

Buon Viaggio!


Thailandia: ultima parte del racconto di Claudio

31
agosto

5 giorno

Eccoci al giorno clou della vacanza. Oggi si parte per Buriram/Surin e si visita il tempio khmer di Phanom Rung il piu’ famoso della Thailandia. Si parte da Khorat diretti verso il sud della provincia di Buriram, dopo un centinaio di chilometri prendiamo la seconda multa per eccesso di velocità, anche stavolta è vero, e stavolta ci rilasciano pure la ricevuta. Tra l’altro il poliziotto ci dice che con quella ricevuta siamo a posto per tutto il resto della giornata, abbiamo licenza di correre , se ci fermano possiamo mostrare la ricevuta e non ci possono multare di nuovo. Bah….

La zona è completamente piatta, nemmeno una collinetta all’orizzonte, fino a che all’improvviso non se ne intravede una, e proprio sulla cima di questa collina si trova Phanom Rung. Arrivando da Khorat, la prima entrata scopriamo è anche attrezzata per far entrare i disabili, ci sono infatti delle rampe che portano all’interno del complesso. Da li si puo’ anche con un aiuto robusto arrivare fino davanti al tempio dove c’e’ la scalinata. Ci sono infatti 4 scalini non consecutivi , piuttosto alti, l’ultimo e’ altissimo un 30 cm buoni, ma con una aiuto robusto si puo’ fare.

In particolare pongo l’attenzione su questa seconda immagine. Questo bassorilievo raffigura un Dio, il Dio Isanà, che come potete immaginare da il nome alla regione dell’altipiano del nord-est della Thailandia noto come Isaan.

Tra l’altro i dei guardiani indù erano posti a guardia ognuno di un punto cardinale differente. Indra era il regnante dell’est, Yama del sud, Varuna dell’ovest, Kubera del nord, Agni del sud-est, Nirriti del sud-ovest, Vayu del nord-ovest e naturalmente Isana del nord-est. Isana comunque non era un Dio a se, ma una speciale manifestazione di Shiva come Dio guardiano.

Altre foto

Come vedete sopra la porte ci sono delle architravi, o lintel (in thailandese Thap Lang). Una di queste architravi è la protagonista di una delle canzoni più famose dei Carabao , la band thailandese più nota. E’ un lintel che raffigura il Dio Narai, uno dei dei minori indù. Perchè ha meritato gli onori di una canzone che tutti i thailandesi conoscono, e che molti dei thai che arrivano qui intonano?

Verso la fine degli anni ’60, qualcuno si accorse che dove una volta c’era un lintel raffigurante il Dio Narai ora non c’era più. Dopo una indagine, venne stabilito che il lintel era scomparso fra il 1961 e il 1965 quando qualcuno ricordo’ di aver visto un elicottero volare sopra le rovine di Phanom Rung (e infatti la canzone inizia col suono del rotore di un elicottero). Più tardi il lintel venne ritrovato presso l’Art Institute di Chicago a cui era stato donato dal miliardario americano James Alsdorf.

Nel 1988 molti thailandesi che vivevano in America chiesero con una manifestazione di protesta, a gran voce il ritorno del Phra Narai in Thailandia e il ritornello della canzone dei Carabao spasmodicamente ripete :

ao Michael Jackson kheun pai, ao Phra Narai kheun ma” cioè riprendetevi Michael Jackson , resituiteci il Dio Narai. Finalmente il lintel venne restituito con l’accordo che la Thailandia avrebbe mandato di tanto in tanto in America alcuni pezzi d’arte thailandese.

Ecco la canzone , potete ascoltare il ritornello inserito in un breve filmato: clicca qui

Scendendo alla seconda entrata, si puo’ accedere alla base del gopura principale, il famoso spettacolare ponte che conduce alla scalinata principale.

Alcuni filmati:

Il Primo.

Il Secondo.

Il Terzo.

Partiti da Phanom Rung, la discesa ci riporta in pianura, dove si trova il terzo principale tempio Khmer della Thailandia, il tempio di Meuang Tam, o città bassa.

Si riparte da Meuang Tam alla volta di Buriram dove ci fermeremo a pranzare ad un Big C.

Dopo il pranzo, partiamo alla volta di Surin, lungo la strada incontriamo l’Isaan quello delle risaie. Oltre cento chilometri di risaie, praticamente ininterrotte, bufali e vacche che pascolano. La sera ci fermiamo all’hotel Thong Tarim, forse il migliore di Surin, 740 baht una stanza deluxe. Ci fanno vedere 3 stanze, due hanno il bagno con uno scalino altissimo, la terza molto ampia, ha un bagno, anche se piccolino senza scalini. Per accedere all’hotel si puo’ entrare dalla strada, sulla destra c’e’ un ingresso laterale per i dipendenti. Da qui si arriva all’ascensore del piano terra.

Quanto può costare un viaggio così:

Dipende se uno va coi tour tutto organizzato o si arrangia da solo.

Diciamo :

Aereo : se si e’ disposti a un piccolo sacrificio (volo con scalo) si trova anche intorno ai 650 Euro A/R

Hotel : Nei post metto anche il costo degli hotel, a parte un giorno in cui sono andato in una topaia Very Happy Nei giorni successivi sono stato quasi sempre in hotel graziosi e soprattutto puliti, in alcuni casi era il meglio disponibile come a Surin (bell’hotel, la hall in marmo, receptionist professionali, facchini etc…) o piu’ avanti a Ubon. Il costo si aggirava fra i 15 euro di Khorat e i 20 di Ubon a stanza (non a persona) inclusa la prima colazione all’americana. A Bangkok un discreto hotel (parlo sempre di hotel con aria condizionata, tv satellitare , bagno pulito) lo si trova sui 40 euro a notte per stanza, e cosi’ a Phuket e altre localita’ turistiche tipo Chiang Mai.

Cibo : anche a causa dei miei problemi gastrointestinali, son “costretto” (si fa per dire Very Happy ) a mangiare in posti dove magari costa leggermente di piu’ ma e’ garantita un cibo piu’ adatto al mio palato occidentale. Di solito mangio nei centri commerciali dove c’e’ una sfilza di negozi di catene tipo Fuji (cibo giapponese di qualità), Pizza Hut (in mancanza di meglio… Very Happy ), Mc Donald’s, Black Canyon (che e’ una catena di ristorantini che fanno cibo thai pero’ “new age” lo definirei, molto piu’ adatto ai nostri palati). La spesa varia fra i 10 euro a persona da Fuji (che essendo giapponese propone soprattutto pesce), ai 5-6 euro a persona degli altri. Se si va al ristorante italiano (Bangkok e località turistiche) si spende molto di piu’, da un italiano per un primo e un secondo e da bere acqua o una bibita o birra, si spendono sui 15 euro a persona.

Trasporti : qui dipende da come ci si sposta. Se si fa il classico tour Bangkok-Chiang Mai-Phuket bisogna prendere l’aereo viste le distanze. Ci sono delle compagnie low cost affidabilissime (la Air Asia) a me non m’hanno voluto a bordo perche’ non posso salire la scaletta, ma per chi cammina non ci sono problemi. Diciamo che Bangkok-Chiang Mai-Bangkok-Phuket-Bangkok sui 150-200 euro a seconda di quanto si prenota in anticipo.

Ricapitolando : una vacanza di 15 giorni Bangkok – Chiang Mai – Phuket

Aereo 650 – 700 euro
Hotel : 300 euro
Cibo : 350 euro
Voli interni : 200 euro

Totale : 1.500 euro a persona. Diciamo 1.800 considerando le varie ed eventuali (shopping, taxi a Bangkok , taxi dall’aeroporto fino all’hotel etc, imprevisti……)

Se poi si e’ disposti a mangiare meno all’italiana e invece di hotel andare in piu’ modeste guest houses (sempre pulite e con aria condizionata e tv satellitare, ma piu’ informali) si possono risparmiare sui 300 euro. Diciamo 1.200 piu’ le spese voluttuarie.

note-della-redazione

I dati e le foto sulle varie accessibilità sono stati forniti dall’autore dell’articolo, facciamo presente che i disabili non sono creati con lo stampino e quindi ci possono essere delle esigenze differenti anche con malattie simili. Consigliamo dunque di non esitare a chiedere ulteriori informazioni lasciando commenti oppure scrivendo alla redazione, sicuri e speranzosi di avere la gentilezza dell’autore del reportage di darci altre informazioni se in suo possesso.

Grazie.


Thailandia: continuiamo il viaggio con Claudio

13
agosto

Riportiamo la seconda parte del viaggio di Claudio in Thailandia, cominciamo con un video:

3° giorno

Partiamo di corsa dalla topaia, oops, dall’hotel la mattina e prendiamo la strada che attraversa la provincia di Prachinburi e da qui entra attraverso le estremi propaggini di Khao Yai, il parco nazionale dichiarato patrimonio dell’umanità dall’Unesco, nella provincia di Khorat. La strada attraversa piccoli villaggi contadini, si inerpica su per le colline per poi ridiscendere a picco verso Khorat. Ed è qui, ad una trentina di km da Khorat che Nampù prende la prima multa. Al posto di blocco, ci ferma un poliziotto che con fare molto gentile, direi suadente, comunica che siamo in contravvenzione per eccesso di velocità. Il fatto è che è vero, Nampù aveva spinto un po’ troppo, però alla fine non ci fa nemmeno scendere dice che visto che andiamo di fretta, non c’è bisogno che scende dall’auto, paghiamo la multa che probabilmente il poliziotto metterà in tasca, si raccomanda di fare attenzione e andar piano, e proseguiamo verso Khorat.

E finalmente verso l’ora di pranzo arriviamo a Khorat, Nakhon Ratchasima il nome completo. A pranzo andiamo a The Mall, il centro commerciale, e mangiamo giapponese al Fuji Restaurant. Dopo una abbondante libagione ci mettiamo in cerca dell’hotel. Non dobbiamo cercar molto, proprio di fronte a The Mall c’è un hotel, il KS Pavilion Hotel. All’ingresso c’è una rampa per poter salire, un po’ ripida ma con un piccolo aiuto la si può fare, la stanza è bellina, pulita, la moquette abbastanza nuova, il bagno sufficiente per poter entrare, aria condizionata, tv satellitare, la prendiamo senz’altro per 700 baht inclusa la colazione. Lo consiglio a chi deve recarsi a Khorat, unica accortezza, prendete una stanza numero dispari, nel lato interno, perché sul lato esterno c’è un karaoke che fino alle 2 di notte tiene svegli i clienti. Sono anche gentili alla reception ad avvertirci. Comunque la stanza è dispari, quindi nessun problema. Unico problema per chi non ha l’auto è che si trova sulla circonvallazione, ma i mezzi pubblici mi sembra non manchino.

Dopo un breve riposino, Nampù vuole andare a rendere omaggio alla Yah Moh, o Tao Suranaree come è stata insignita poi dal Re Rama III. Khunying Mo era la moglie del governatore di Khorat. Nel 1827 un principe laotiano raduna un esercito e attacca la città di Khorat. Dopo un breve assedio la conquista e fa prigionieri i suoi abitanti trasportandoli in prigionia verso Vientiane. Durante la marcia Khunying Mo pian piano acquista la fiducia dei laotiani, ritarda la marcia suggerendo a qualche cittadino di Khorat di fingersi ferito, pian piano riesce anche ad armarsi con dei bastoni da utilizzare come attrezzi, ma che vengono poi appuntiti. La notte decisiva ordina alle ragazze più giovani di sedurre i soldati laotiani e portarli nei boschi, quindi vengono disarmati e devono battere in ritirata. Khunying Mo, è oggetto da parte dei thai di venerazione, come per le due eroine di Phuket, un misto di orgoglio civile e religione. Al centro di Khorat c’è un monumento a lei dedicato, davanti al quale molti vanno a rendere omaggio alla eroina della città, ecco alcune foto.

[nggallery id=3]

E infine alcuni filmatini del monumento e lungo il viale dove si trova il monumento:

4° giorno

Il quarto giorno è dedicato principalmente a uno dei templi khmer piu’ famosi della Thailandia : il tempio di Phimai, a una cinquantina di chilometri da Khorat, recentemente rinnovato. Probabilmente è un misero surrogato di Angkor Wat, comunque partiamo la mattina e ci dirigiamo sull’autostrada verso Khon Kaen, a circa 40 km da Khorat svoltiamo e in breve arriviamo nella cittadina di Phimai. Ricordo che i templi khmer sono dei templi religiosi indù e non buddhisti, le raffigurazioni quindi ricordano i poemi epici indù con storie di Krishna , Vishnu etc…

All’arrivo una bella sorpresa, nel parco archeologico c’è un bagno accessibile, anche se la pavimentazione naturalmente è piuttosto sconnessa. Di li però per accedere alla terrazza superiore c’è una scalinata, e li sembra che io mi debba fermare, davanti al gopura (la porta di ingresso) coi leoni :

Tempio

Fortunatamente non è così, sulla destra c’è un breve pendio tramite il quale riesco a scendere sull’erba e da qui girando intorno alle mura arrivo in un punto in cui il muro è crollato e tramite un altro pendio posso risalire fino alla terrazza superiore. Comunque c’è anche un cancello su un’entrata laterale sulla strada che da accesso direttamente a questo pendio.

Entrata Tempio

Entrata Tempio dai giardini

Due brevi filmati:

Usciamo quindi da Phimai, e poco vicino c’è un giardino con laghetto, un fiume che scorre, un bel posto. Si tratta di una foresta di alberi di banyan (l’albero sacro a Buddha), alberi vecchi di oltre 300 anni. SI tratta del giardino chiamato “Sai ngaam“.

Quindi si fa ritorno a Khorat, e il resto della giornata la passiamo lì.

Continua

Per chi non ha letto la prima parte, può andare quì… (ndr)

note-della-redazione

I dati sulle varie accessibilità sono stati forniti dall’autore dell’articolo, facciamo presente che i disabili non sono creati con lo stampino e quindi ci possono essere delle esigenze differenti anche con malattie simili. Consigliamo dunque di non esitare a chiedere ulteriori informazioni lasciando commenti oppure scrivendo alla redazione, sicuri e speranzosi di avere la gentilezza dell’autore del reportage di darci altre informazioni se in suo possesso.

Grazie.


Thailandia: in viaggio con Claudio

1
12
agosto

Grazie al nostro amico Claudio che ci racconta il suo viaggio in Thailandia.

Inizia così…

Cominciamo subito a dire una cosa : in questa avventura, la protagonista è Nampù, io sono solo un cronista con un ruolo marginale. E’ lei che ha guidato per 3.500 e passa kilometri, avendo a che fare con pazzi scatenati che si buttano sulla corsia di sorpasso senza guardare dallo specchietto, deficienti che vanno a 70 all’ora sulla corsia di sorpasso e che non si spostano neanche a sparargli col bazooka, che s’è portata le valigie (quando non c’erano i facchini eh, non siamo così kiniao :-), che ha fatto le riprese video, io ho miseramente contribuito come “navigatore”.

1 giorno

Si parte da Phuket alle 8,30 di mattina. Prima dobbiamo passare a restituire una gabbietta per gatti al veterinario, è lungo la strada, la lasciamo e si va. La strada , la Thapkasattri, attraversa l’isola dalla città fino al ponte Sarasin. Da qui si prosegue nella provincia di Phang Nga tramite una strada a doppia carreggiata con ampie curve.

Dopo 100 km si arriva a Phang Nga, bella cittadina circondata da picchi calcarei.

Da qui la strada restringe, ci si dirige prima verso sud verso Krabi, poi si devia su una strada non molto trafficata verso Suratthani. Dopo circa 150 Km, si giunge alla superstrada che collega Bangkok all’estremo sud thailandese. La strada è a due corsie per senso di marcia, e ci si dirige rapidamente verso nord con le dovute soste fisiologiche e per i pasti. Ecco una foto scattata in corsa a Pranburi, vicino Hua Hin.

Alla sera in prossimità di Petchburi, ci fermiamo ad uno degli innumerevoli negozi dal nome “Mae Kimlui“, “Mae Kimlang“, “Mae Lamiat” che vendono “Moh kaeng” il tipico crème caramel di Petchaburi. Ne compriamo un paio da sbafare la sera in hotel, più dei “bah mee” all’anatra (tagliolini all’uovo).

hotel thailandiaCi fermiamo quindi in hotel, già più volte utilizzato durante le nostre escursioni a Bangkok. Si tratta di un motel, l’Happy Inn, che però non è il classico motel thailandese per coppiette, il cosiddetto “Mahn Lut” in cui si entra con l’auto davanti alla stanza e viene chiusa una tenda per tener riparato il cliente da occhi indiscreti, ma di un motel molto simile a quelli europei. Una bella stanza con bagno, acqua calda, aria condizionata e televisione sono 500 baht.

Per chi volesse utilizzarlo, si trova sulla circonvallazione di Petchaburi, c’e’ una stradina che va verso l’interno 20 metri prima di un benzinaio Petronas, appena girati sulla stradina lo vedete li dopo 30 metri.

In Trentino Alto Adige verrebbe definito un “Garnì”, non dispone di ristorante, quindi per mangiare bisogna andare fuori, prima di arrivare sulla circonvallazione c’è un centro commerciale Big C con il solito food center, MK restaurant etc…

(la foto della stanza non è di Claudio ndr.)

2° giorno

La sera prima abbiamo preso accordi con una amica che vive a Samui, ma che in questi giorni si trova a Bangkok.

Appena usciti dall’hotel siamo in una cappa di fumo giallastro, non è inquinamento industriale, si vede che da qualche parte ci sono delle foreste che stanno bruciando, si percepisce anche odore di fumo, poi la nostra amica a Bangkok ci dirà che la televisione ha detto che si tratta di foreste nel sud della Cina, e in effetti con il monsone di nord-est il fumo deve arrivare dal Laos e dalla Cina meridionale.

Entriamo quindi nella provincia di Samut Songkhram, caratterizzata da una distesa di saline…

In un paio d’ore comunque siamo a Bangkok, zona Sukhumvit, anche grazie al fatto che è di domenica e non dobbiamo beccarci il solito traffico infernale di Bangkok. Foto dello skyline di Bangkok:

Passiamo a prendere la nostra amica a casa e in auto andiamo a parcheggiare al centro commerciale Carrefour di Omnut per poi prendere lo sky train. Pero’ nel frattempo ci perdiamo in un vicolo tentando una scorciatoia, finendo in un tempio della zona di Phra Kanong. Qui ci sono bufali e vacche che sono state “salvate” da un triste destino e viene chiesto un contributo per il loro riscatto e il mantenimento. Ecco le simpatiche bestiole intente a mangiare, più le foto del tempio stesso:

[nggallery id=1]

A questo punto ritroviamo la strada per il Carrefour, parcheggiamo e andiamo a prendere la metro per dirigerci a pranzo al centro commerciale Siam Paragon in Siam Center. Al Paragon ci dirigiamo al food center che è strapieno di gente, essendo domenica, non si trovano tavolini liberi per mangiare. Nampù con la sua solita faccia tosta poco thailandese, chiede il permesso ad un povero ragazzo che stava mangiando la sua zuppa in santa pace di sedere tutti al suo tavolino. Naturalmene il ragazzo educatamente accetta, ma finisce in fretta la sua zuppa, saluta e se ne va con un “wai”.

Terminato il pranzo, torniamo tutti al Carrefour a riprendere l’auto, e decidiamo di uscire da Bangkok. Pur essendo bangkokiana doc, Nampù non sopporta più il caos e la confusione che regna sovrana nella capitale, ci dirigiamo quindi fuori Bangkok verso Chachoengsao a una cinquantina di chilometri dove c’è un famoso tempio molto venerato dai thailandesi, ma poco noto ai turisti. Anzi di “farang” c’ero solo io. Il tempio è bello, moderno e tutto bianco con dei fregi dorati. Alcune foto tra le quali una con una comitiva proveniente da Songkhla, ci siamo scambiati il ruolo di fotografi e ne abbiamo fatta una o due a testa come ricordo tutti insieme.

[nggallery id=2]

fine prima parte….

note-della-redazione

I dati sulle varie accessibilità sono stati forniti dall’autore dell’articolo, facciamo presente che i disabili non sono creati con lo stampino e quindi ci possono essere delle esigenze differenti anche con malattie simili. Consigliamo dunque di non esitare a chiedere ulteriori informazioni lasciando commenti oppure scrivendo alla redazione, sicuri e speranzosi di avere la gentilezza dell’autore del reportage di darci altre informazioni se in suo possesso.

Grazie.


Esplora il sito

Sponsor
Soluzioni bagni disabili
Chi siamo

“Diversamente Agibile” nasce dal presupposto che nessuno meglio di chi ne usufruisce può recensire un servizio.

In questo caso si parla di accessibilità a strutture e attrazioni turistiche in genere (hotel, bar e ristoranti, musei, ecc...).

Ecco l'idea creare questo sito/blog dove raccogliere tutte le esperienze di persone disabili, con reportage scritti, fotografici e filmati dei loro viaggi, in modo da fornire informazioni utili ad altri disabili che vogliono frequentare gli stessi posti. Ovviamente ci potranno essere anche note negative se vi sono incontrate barriere architettoniche o disservizi. La collaborazione è il cuore di questo progetto.

Inoltre le strutture stesse ci possono informare sulla propria accessibilità, offrendo però qualcosa in più della semplice segnalazione che vediamo in molti siti web...

continua a leggere

Pagina Facebook
Omaggio ai nostri Soci
La nostra visita alle cantine di Montalcino al Castello Banfi
Alle Cantine di Montalcino