chiudi


Google+

Ultimi Articoli

Bluerental: sensibilizzare i ragazzi alla barriere invisibili

30
maggio

Riportiamo una bella iniziativa in cui ha partecipato anche la Bluerental, che noleggia auto per tutti, dove si mostrano gli ostacoli invisibili agli occhi di molti, ma purtroppo molto visibili per chi è in carrozzina. La manifestazione era all’interno della dimostrazione sulla guida sicura. Leggiamo:

27 maggio 2011 Cario Montenotte

Iniziativa promossa dal Comune di Cairo Montenotte per sensibilizzare i ragazzi delle scuole sul problema della sicurezza stradale.

Presso l’Istituto Secondario Superiore Patetta di Cairo Montenotte è stato realizzato un “laboratorio” rivolto ai ragazzi di alcune scuole elementari medie e superiori, (una rappresentanza del Calasanzio di Carcare, e le Scuole Elementari di Carcare ed Altare) mattinata in cui hanno potuto assistere alle spiegazioni fornite dalle Scuola Guida VALBORMIDA e PIERO SALVI su come utilizzare al meglio e senza pericoli i veicoli (biciclette, motorini, autovetture) che circolano sulle nostre strade, ma soprattutto su come evitare o prevenire incidenti. Il tutto con un format giocoso e divertente che ha coinvolto tutti creando una sinergia tra le singole iniziative ed i singoli ruoli davvero entusiasmante.

Sono stati evidenziati gli effetti di oggetti “liberi” in auto in caso di frenata con un simulatore d’impatto a bassa velocità, gli sbandamenti di un percorso lievemente accidentato in bicicletta a causa di fossi e buche, un percorso in monopattino ed a piedi con il riconoscimento di segnali stradali, l’importanza dei sistemi di ritenuta ed il loro utilizzo. E’ stato approntato un gioco dell’oca con domande relative al tema della sicurezza, sono stati dimostrate le difficoltà e differenze di frenata di motocicli sul bagnato, il temibile angolo cieco sui mezzi pesanti che impedisce la vista di motocicli in determinate posizioni, si è utilizzato il simulatore di guida per le moto, è stato simulato un pronto intervento in soccorso di un incidente stradale in cui fosse coinvolto un veicolo a due ruote.

Inoltre, grazie a Bluerental di Vezzi Portio (SV), azienda autonoleggio “per tutti” di vetture con e senza conducente è stato realizzato un percorso ad ostacoli, che ostacoli normalmente non sono: un passaggio con la ghiaia, il transito su una grata, su mattonelle posizionate nei giardini con interspazio, la semplice salita su gradini alti pochi centimetri, la salita su rampe troppo inclinate. Tutti dettagli normalmente presenti sulle nostre strade, che non saltano all’occhio a chi non è costretto su una sedia a rotelle… come fare quindi per sensibilizzare i ragazzi sulle difficoltà altrui, sull’importanza della prevenzione o sulla necessità di adeguare le nostre città? Grazie alle 4 carrozzine messe a disposizione dalla OffCarr di Padova, i ragazzi sono stati invitati al loro utilizzo e coinvolti in prima persona per alcune ore nella “mission impossible” che solo grazie ad alcuni accorgimenti e suggerimenti forniti da Fausto Ferraro titolare di Bluerental, sono stati in grado di portare a termine.

E’ stata inoltre mostrata ai ragazzi una vettura adattata alla guida per disabili e tutte le difficoltà correlate per i loro utilizzatori, anche semplicemente per salire o scendere, evidenziando quindi la vitale importanza nel lasciare spazio adeguato ai lati quando ne notino la presenza su uno spazio appositamente contrassegnato o quando siano presenti i cartelli sulle vetture stesse.

bluerental

Grazie ai numerosi interventi, CROCE BIANCA di Cairo Montenotte, SER.T – USL di Savona, la Direzione ACI di Imperia e Savona, la Dirigenza del PRA di Savona, il COMUNE di Cairo Montenotte nella persona di Alberto Poggio Assessore alle attività produttive, la giornata formativa è perfettamente riuscita, l’obiettivo prefissato di cominciare a sensibilizzare le future generazioni sull’importanza di una guida sicura, controllata, nel rispetto delle regole e sull’attenzione alle difficoltà altrui, è stato centrato unitamente al riconoscimento della volontà e della necessità di cominciare ad agire per aumentare la consapevolezza nei giovani.

BLUERENTAL

www.bluerental.it

info@bluerental.it


Mio Figlio ha 4 ruote: corso teorico pratico per Famiglie e Bambini

1
16
ottobre

Oggi voglio segnalarvi questa lodevole iniziativa che si terrà a Lignano Sabbiadoro in Friuli Venezia Giulia al Villaggio Getur. Leggiamo:

“In qualità di coordinatore del SAPRE Servizio Abilitazione Precoce dei Genitori, servizio pubblico all’interno della Fondazione Policlinico Mangiagalli Regina Elena di Milano, mi preme sottoporre alla sua attenzione l’iniziativa da noi organizzata iniseme alle Associaizoni UILDM e Famiglie SMA, circa Corso-Stage teorico pratico intitolato “MIO FIGLIO HA UNA 4 RUOTE“, rivolto a genitori, fratelli, nonni e bimbi affeftti da SMA (Atrofia Spinale Muscolare di 1° e 2° tipo), che si terrà a  Lignano Sabbiadoro dal 21 al 24 ottobre p.v.

4 giorni su una 4 ruote, carrozzine manuali ed elettroniche più o meno per tutti, sfatando il timore che carrozzina sia per i bambini, solo barriera architettonica mentale e fisica.

VI chiediamo la disponibilità a curiosare in questa esperienza di vita in diretta di tante famiglie, provenienti da tutta Italia, unica nel suo genere, testimoniando con noi la gioia di giocare, ballare, rinocrrersi, cercare nuove abilità, altrimenti nascoste dalla malattia neuromuscolare.

In attesa di risentirvi, vi saluto cordialmente allegando qualche immagine ed il programma.

Grazie

Chiara Mastella 335/7567793- 335/5793791 SAPRE

OSPEDALE  POLICLINICO MANGIAGALLI – MILANO – 02/55400823

Diffondete. Un Abbraccio di Cuore a questi bellissimi bambini.


Londra Accessibile a Disabili: Roxy ci racconta – seconda parte

2
15
settembre

I trasporti pubblici di Londra sono Accessibili. Tutti gli autobus a due piani, parte della metropolitana, i taxi e i battelli che navigano il Tamigi. Quasi tutte le attrazioni di Londra si affacciano sulle due sponde del Tamigi e volendo ci si può spostare sul fiume…bisogna valutare se conviene economicamente perchè mentre sugli autobus la persona disabile non paga sui battelli pagano sia il disabile che l’accompagnatore.

Noi abbiamo usato tutti i mezzi e ci siamo spostati anche a piedi perchè comunque londra è abbastanza concentrata e il lungofiume è ampio comodo per le carrozzine, senza ostacoli.

autobus londra

Prendere l’autobus è di una facilità impressionante, basta farsi vedere dall’autista e lui aziona l’uscita della pedana…e subito all’entrata c’è il posto disabili, un angolo segnalato con il simbolo, provvisto di una colonna imbottita dove appoggiare la schiena e legarsi con le apposite cinture. La gente è gentile e interviene a fare spostare chi staziona nel posto abusivamente. Si dice all’autista a quale fermata si vuole scendere e lui aziona di nuovo la pedana al momento dell’uscita.

Mi sembra così semplice che è incredibile che da noi sia così complicato da realizzare. e non è che a Londra ci siano più disabili in giro….tutte le volte che abbiamo usato gli autobus ero solo io in carrozzina e anche in giro non abbiamo visto molte carrozzine, ma le pedane funzionano tutte e sempre !!!

Per andare a Westminster abbiamo preso la metropolitana perchè eravamo sicuri che il tratto era accessibile…e infatti nessun problema. Ascensori che portano alla banchina di partenza e all’arrivo ascensore che porta all’uscita e ci si trova proprio sotto il big ben nel centro religioso e politico della città. Fin dal 1512 il palazzo di Westminster è stato la sede delle camere del parlamento e adiacente si trova la famosa abbazia di westminster, luogo di sepoltura dei re d’inghilterra sede d’incoronazioni anche quella dell’attuale sovrana.

All’entrata ci sono delle persone vestite con toghe colorate che vi aiutano e vi danno l’audioguida nella vostra lingua, l’entrata è a pagamento ma non per le persone disabili e accompagnatore. L’abbazia è quasi del tutto accessibile, tranne la lady chapel e la chapter house che sono in cima a scale. ma se vi riesce fatevi portare perchè nella lady chapel sono sepolte due regine d’inghilterra sorellastre che si odiavano ed erano figlie di enrico VIII, e la chapter house è una struttura ottagonale con vetrate e mattonelle del XIII secolo. Comunque anche se non riuscite a vedere queste due cappelle l’abbazia è piena di altro.. dalle tombe reali al poet’s corner dove sono sepolti letterati come shakespeare e dickens ma anche jane austen e tantissimi altri… il museo e i chiostri sono accessibili.

Da lì poi siamo andati a mangiare su una delle tante barche ristorante che stazionano sul Tamigi. Non era proprio accessibile ma superati i pochi gradini ci siamo goduti il nostro primo fish and chips, con alle spalle la london eye. E’ la grande ruota panoramica che domina lo skyline dall’altra parte del fiume e prima di salirci abbiamo visitato l’acquario che le è proprio vicino. Si paga un solo biglietto e ha una grande vasca dove potete immergere le mani per toccare le razze e altri pesci.

Alla london eye non ci avvicinavamo per il grande afflusso di gente, la fila era lunga e così prima siamo andati a fare una crociera sul fiume fino al tower bridge per poi ritornare e renderci conto che a fianco della fila c’era un percorso privilegiato dove vi fanno passare. Si paga un solo biglietto ed è accessibile al punto che quando la cabina-uovo si ferma vi fanno salire per primi e tirano fuori una pedana pieghevole per farvi superare un piccolissimo dislivello. Il viaggio dura mezz’ora ed è un’esperienza affascinante: si sale fino all’altezza di 135 metri e si domina dall’alto tutta la città di londra.

ruota di londraLa PRIMA PARTE del racconto lo trovate QUI


Londra Accessibile a Disabili: Il Racconto di Roxy – prima parte

13
settembre

La nostra reporter Roxy ci racconta della Londra Accessibile a Disabili, dei Musei Accessibili, degli Autobus Accessibili e tutto ciò che si può ammirare in questa città. Leggiamo la prima parte.

Londra è la città più trendy d’europa, Londra è la metropoli cosmopolita, Londra è la sede di una tradizione millenaria come la monarchia inglese ed è la città dove le trasgressioni e i looks stravaganti sono non solo tollerati ma fanno parte del panorama urbano, Londra è una città inesauribile dove chiunque può trovare quello che vuole…

…Londra è una città accessibile per le persone disabili. Ce lo aspettavamo dai racconti degli altri ma non immaginavamo quanto…!! e a conferma di questa tendenza di Londra se andate sul sito www.visitlondon.com c’è in primo piano l’annuncio di “liberty 2010” l’ottava edizione del festival di arte e disabilità che si è tenuto dal 4 settembre in trafalgar square nel cuore di londra. se questa non è una particolare attenzione.

Siamo partiti a giugno sotto la pioggia da Malpensa e dopo aver sorvolato parte dell’europa sotto le nuvole, contro tutte le tradizioni siamo arrivati a Londra dove regnava un sole caldo e incontrastato, un sole che non è mai mancato per tutta la settimana…tanto da farmi pensare che dovrò tornarci prima o poi per godermi una tipica giornata uggiosa londinese. Cosa curiosa prima di atterrare a heathrow, si sorvola tutta la città in una prima carrellata sulle sue attrazioni principali riconoscibili dall’aereo e spessissimo mentre giravamo per Londra c’era un aereo che volava basso sulla città, segno di contatto stabilito.

heathrow è enorme e a farci sentire tutta la sua grandezza c’è stato a sorpresa l’abbandono da parte dell’assistenza che appena sbarcati dall’aereo e avendoci consegnata la carrozzina ci hanno indicato il grande vuoto che si stendeva davanti a noi. Per noi delicati turisti milanesi che a malpensa siamo seguiti passo passo dall’assistenza, c’è stato un attimo di smarrimento…ma poi ci siamo subito lanciati perchè l’intero aereoporto è accessibile, non c’è un gradino ad ostacolarvi e se ci sono le scale subito vicino c’è l’ascensore e quindi non ci sono problemi.

Per arrivare a Londra da heathrow c’è solo l’imbarazzo della scelta: dal treno al pullman al taxi…e addirittura potete prenotare prima il viaggio, cosa comunque non consigliabile a causa dei ritardi dei voli. ma se volete farlo vi posso dire che sul coach che già ha un biglietto di poche sterline fanno addirittura lo sconto per le persone disabili. se siete interessati basta andare sul sito segnalato prima ma nella sua versione italiana, sotto la voce aereoporti c’è il link con il sito di national express dove potete prenotare o il coach o il treno.

Per non far fatica e visto che possiamo sfruttare questo nostro bel sito abbiamo soggiornato nello stesso albergo segnalato nel reportage di Federica, che ringrazio per la dritta perchè a Londra c’è un’amplissima scelta di hotel ed è difficile scegliere.

Il parkcity hotel sta nel bel quartiere di kensington, ha una simpatica ascensorina parlante che vi porta dalla strada al livello d’entrata, la camera disabili è vicinissima alla reception, il bagno è ampio con doccia a livello pavimento senza seggiolino e il water con appoggi è attaccato al lavandino che è un po’ basso. Per me era un vantaggio ma forse per qualcuno può essere difficoltoso. Niente bidet e la cosa che mi faceva un po’ ridere era che l’asciugamano da bidet più che un asciugamano sembrava un francobollo.

foto bagno londradoccia accessibile

La colazione era molto buona, con indimenticabili marmellatine e un’ampia scelta salata molto apprezzata da Giorgio. Lo staff è molto gentile e ci sono due o tre italiani veraci e un manager che parla molto bene l’italiano e al quale abbiamo raccontato l’unico inconveniente che abbiamo avuto quando quello che occupava la camera sopra la nostra ha fatto la doccia e ci ha fatto provare l’ebbrezza della pioggia a londra. problema che è stato risolto velocemente e con efficienza.

Lo staff dell’hotel è in grado di prenotarvi una macchina a prezzo fisso di 25 sterline per portarvi dove dovete andare che è molto comoda e più conveniente del taxi per i noti problemi di traffico della città. Appena fuori dall’hotel ci sono ristoranti italiani e un buon ristorante indiano dove abbiamo mangiato bene la prima sera, negozi e pub e naturalmente vicinissimo c’è la metropolitana di earl’s court. Un po’ più in là c’è anche quella di gloucester dove siamo stati protagonisti di un episodio curioso: due poliziotti sono arrivati a sirene spiegate evidentemente chiamati da qualcuno, per ispezionare una borsa abbandonata su una panchina davanti all’entrata della metropolitana e noi due curiosoni eravamo posizionati sulla panchina a fianco….cosicchè se ci fosse stato qualcosa non sarei qui a raccontarvi.

kensington è proprio un bel quartiere tranquillo, con le case bianche dalle ampie vetrate le finestre fiorite e molte attrazioni da vedere. cammina cammina noi siamo arrivati a piedi e non è molto lontano, al bellissimo edificio del museo naturale che sembra una ex-chiesa ma non lo è. Poi c’è il Victoria and Albert Museum, la Royal Albert Hall, Hyde Park dove si svolse un famoso concerto dei Rolling Stones nel ’69, i Magazzini Harrods che vedevamo tutti illuminati tornando la sera…..ma noi non abbiamo fatto in tempo a visitarli…un po’ perchè tutto chiude alle 18 e poi perchè Londra è impossibile visitarla tutta in cinque giorni.


La SMA: Ricerca, Riabilitazione e Vita quotidiana al Convegno Nazionale

2
3
agosto

Voglio segnalarvi questo importante Convegno Nazionale sulla SMA che si terrà a Pisa l’11 e 12 Settembre presso l’Hotel Galilei. Con mia gioia sono stato invitato come Relatore per il Turismo Accessibile a Tutti, parlerò Sabato 11 alle ore 9:40.

Cliccando sull’immagine sottostante potete scaricare il programma in PDF.

brochure


Campeggio accessibile nel comune di Caorle (VE)

8
29
ottobre

Campeggio Prà delle Torri **** Comune di Caorle (VE)

Salve a tutti! Il mio nome è Chiara. Abito a Padova e sono la cugina di Emma, una bambina con la SMA di 7 anni. Emma è il mio grande Amore, ma tramite lei, ho conosciuto anche il mio secondo grande Amore: Davide, il mio ragazzo (anche lui con la SMA), che ha 18 anni. E’ dopo essermi innamorata di lui che mi sono avvicinata a questo sito (STUPENDO) e che ho deciso di iniziare a scriverci un po’ anche le nostre esperienze, che spero vi siano utili. 
Il posto che recensisco è un campeggio, molto grande, con parco acquatico, parco giochi e tantissimi servizi per tutte le età. Il posto è stato “collaudato” da Emma, la quale pesa circa 30 kg, e dalla sua famiglia e da me.

campeggio pra delle torri

Abbiamo una roulotte Dethleffs adattata con un sollevatore a binario a soffitto (marca Guldmann) e abbiamo preso una piazzola MAXI, un tipo di piazzola che però va prenotato in anticipo, ma poiché andiamo in questo campeggio da molti anni, per noi questo non è stato un problema.

Il campeggio è tutto accessibile, tranne il parco acquatico e la spiaggia (accessibili solo alle condizioni di cui vi parlerò in seguito):

  • Le strade sono tutte lastricate (tipo a “mattonelle”), tranne le stradine della pineta, nella quale sconsigliamo di andare, vista la non accessibilità delle stradine, che sono sterrate; comunque, facendo presente al personale della vostra situazione, vi indicheranno le piazzole della parte più nuova del campeggio e con le strade migliori;
  • I bagni attrezzati sono abbastanza larghi e ben accessibili: lavabo accessibile, wc accessibile con il doccino e piano doccia a pavimento con il “seggiolino ribaltabile” a parete. Noi ci entriamo con la carrozzina elettrica di Emma (larghezza 70 cm e lunghezza 100 cm) e un assistente. Ci sono i maniglioni vicino al WC ma non saprei dire se sono posizionati nella maniera ottimale, perché con Emma non li utilizziamo.
  • I negozi presenti nel campeggio sono tutti accessibili e hanno le rampe (ci sono un bazar, un market, un negozio di scarpe, sala giochi, parafarmacia, banca, negozio di abbigliamento sportivo, internet point, gioiellerie, due ristoranti di cui uno con il self service, vari bar, gelateria, edicola, parrucchiere e negozio di souvenir)

Veniamo ora alla nota dolente: la piscina e la spiaggia sono accessibili solo a determinate condizioni.
Il parco acquatico, infatti, è composto da molte piscine alte però solo circa 60 cm con le discese per entrarvi, e due piscine “tradizionali” con le scalette “verticali”. Con Emma si riesce a portarla in braccio e metterla seduta sul bordo con le gambe “a mollo” e poi lei si butta da sola in avanti, in acqua. Per tirarla su, poi, la sollevavamo dal bordo. Insomma questa soluzione va bene per chi ha un peso non eccessivo.

La spiaggia, poi, ha diverse entrate dal campeggio, di cui consigliamo quella più vicina alle piscine, in quanto è l’unica con la piastrellatura che arriva fino al camminamento, che è collegato a sua volta all’acqua da una scalinata a pedata larga (più di 1 m). Dopo la scalinata c’è la spiaggia (2-3 m circa). Non vi è alcuna passerella fino all’acqua.
 L’unica passerella che arriva fino all’acqua, infatti, è la discesa delle barche, dove però è vietata la balneazione. (Bello vero?)
 La balneazione è quindi possibile solo nel caso in cui si disponga di una carrozzina manuale che possa essere portata fino nell’acqua, e nel caso si riesca ad essere sollevati manualmente da qualcuno.

piantina mare campeggio a caorle

Comunque, a parte le piazzole MAXI e quelle STANDARD, ci sarebbero le opzioni dei MAXI CARAVAN e dei BUNGALOW. Peccato che i caravan siano tutti senza rampa e che i bungalow abbiano un solo letto al piano terra e per raggiungere le altre aree di esso bisogna salire una scalinata per andare al piano superiore
Si può parcheggiare l’auto o il furgone entro l’area della propria piazzola o nel parcheggio gratuito situato appena fuori del campeggio. C’è nel piazzale davanti alla reception un parcheggio disabili situato in curva, dove non c’è spazio nemmeno per un furgone.

La piazzola campeggio pra delle torri

Non c’è poi alcuna riduzione per i clienti disabili, mentre c’è invece, per chi ha più di 65 anni e per i bambini.

Nota finale: nel campeggio c’è uno strano cartello, quello di un triangolo di attenzione posto sotto al simbolo internazionale dei disabili, insomma un “attenzione disabili”. Un po’ perplessi abbiamo chiesto spiegazione al personale che ci ha spiegato che una volta quella era l’unica stradina lastricata e quindi tutti i diversamente abili del campeggio alloggiavano in quella strada, perciò era stato messo il cartello, affinché le auto e le bici non corressero troppo e non si rischiassero incidenti.

Il famoso cartello

Per ulteriori informazioni il sito internet del campeggio è

www.pradelletorri.it

P.S.: normalmente la piazzola era un po’ più ordinata. La foto è stata fatta il giorno in cui saremmo andati via… perciò… scusate il disordine!!!

note-della-redazione

Ringraziamo di cuore Chiara per il suo reportage, ormai è una delle nostre Reporter di fiducia. C’erano anche altre foto in primo piano della dolcissima Emma ma essendo minorenne abbiamo deciso sia meglio non pubblicarle, anche se la madre ci aveva dato il consenso. Ringraziamo con grande affetto.


Esplora il sito

Sponsor
Soluzioni bagni disabili
Chi siamo

“Diversamente Agibile” nasce dal presupposto che nessuno meglio di chi ne usufruisce può recensire un servizio.

In questo caso si parla di accessibilità a strutture e attrazioni turistiche in genere (hotel, bar e ristoranti, musei, ecc...).

Ecco l'idea creare questo sito/blog dove raccogliere tutte le esperienze di persone disabili, con reportage scritti, fotografici e filmati dei loro viaggi, in modo da fornire informazioni utili ad altri disabili che vogliono frequentare gli stessi posti. Ovviamente ci potranno essere anche note negative se vi sono incontrate barriere architettoniche o disservizi. La collaborazione è il cuore di questo progetto.

Inoltre le strutture stesse ci possono informare sulla propria accessibilità, offrendo però qualcosa in più della semplice segnalazione che vediamo in molti siti web...

continua a leggere

Pagina Facebook
Omaggio ai nostri Soci
La nostra visita alle cantine di Montalcino al Castello Banfi
Alle Cantine di Montalcino