chiudi


Google+

Ultimi Articoli

A Milano la prima fiera-evento per il mondo dei disabili

22
novembre

Presentata Reatech Italia, in programma dal 24 al 27 maggio 2012.

Un evento unico:

non solo mostra commerciale ma anche ambito di promozione dell’inclusione e di diffusione della cultura della disabilità. Nonchè la prima manifestazione che Fiera Milano importa dall’estero (dalla controllata brasiliana Cipa)

Nasce in Italia per iniziativa di Fiera Milano una fiera per il mondo della disabilità diversa da ogni altra finora sperimentata: Reatech Italia, in calendario nel quartiere espositivo di Rho dal 24 al 27 maggio 2012.

L’iniziativa è stata presentata oggi alla stampa alla presenza di Enrico Pazzali Amministratore delegato Fiera Milano SpA, Giulio Boscagli Assessore alla famiglia, conciliazione, integrazione e solidarietà sociale della Regione Lombardia; Pietro Barbieri Presidente FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap); Walter Ferrari presidente ANMIL Lombardia (Associazione Nazionale fra Lavoratori Mutilati e Invalidi del Lavoro) e membro del direttivo di Fand (Federazione tra Associazioni nazionali Disabili); Stefano Venturini Amministratore di Guidosimplex.

Sulla base degli ultimi dati Istat disponibili, la disabilità in Italia interessa 2 milioni 800 mila persone, pari al 4,8% della popolazione. Oltre due milioni di famiglie hanno al loro interno una o più persone con disabilità e circa 200mila sono gli individui residenti in presidi socio-sanitari. In Europa invece la disabilità interessa direttamente 80 milioni di persone, mentre su scala mondiale la percentuale si attesta al 13% della popolazione.

“Reatech – ha spiegato Enrico Pazzali – è una fiera molto particolare. Ha evidentemente una dimensione commerciale, alla quale però affianca l’ambizione di divenire un’opportunità di integrazione sociale e un contributo alla diffusione della cultura della disabilità, che manca, ma è il presupposto di una reale valorizzazione della ricchezza per la società rappresentata dai disabili. In certo modo questa iniziativa rientra anche in una riflessione generale, che i tempi rendono quanto mai necessaria: la consapevolezza del fallimento del fine ultimo e unico del profitto finanziario e la necessità di ridare spazio ad un’etica dell’economia. Ma non c’è solo questo. Reatech è anche il primo caso di una manifestazione che Fiera Milano importa dall‘estero, per l’esattezza dalla sua controllata brasiliana Cipa, che da diversi anni ormai organizza una mostra per disabili di grande successo. Così opera una vera società internazionale, quale Fiera Milano vuole essere”.

“Bisogna rompere lo schema che queste tematiche riguardino soltanto alcune persone e un evento del genere puo’ aiutare in tal senso”, ha aggiunto l’assessore Giulio Boscagli, sottolineando come in Lombardia “sono 365 mila le persone in condizioni di disabilità”.

In questo senso Reatech si rivolge al disabile e alla sua famiglia, ma anche a tutti coloro che operano nel campo della disabilità e della riabilitazione, nei diversi ruoli: istituzioni e associazioni, produttori e distributori di ausili, operatori del turismo accessibile, mondo dello sport, operatori sanitari, pedagogisti e ricercatori. Obiettivo: contribuire ad una società completamente accessibile, capace di includere tutti e consentire a chiunque un progetto di vita autonoma.

Accanto alle tradizionali “aree espositive” articolate in settori specifici, ci saranno convegni  workshop e iniziative formative e ancora aree dedicate allo sport, al turismo e al tempo libero.

L’iniziativa è stata accolta con grande interesse dal mondo associativo, che ha ribadito il suo sostegno attraverso il presidente di FISH Pietro Barbieri il quale ha affermato: “Per la prima volta affianchiamo il nostro brand a un’iniziativa fieristica e lo facciamo perché non si tratta semplicemente di un evento B2B, ma di un luogo di consapevolezza che vuole far incontrare e dialogare istituzioni, profit e non profit, abbattendo compartimentazioni che ci impediscono di fare sistema e che alimentano la frammentazione di questo nostro mondo”. Analoghe le valutazioni di Walter Ferrari che ha sottolineato la concretezza di un progetto che si propone di dare risposte ai disabili e alle famiglie in un’ottica di  inclusione e autonomia in ogni settore della vita personale e sociale.

Stefano Venturini, dal canto suo, ha sottolineato l’importanza di una manifestazione in grado di valorizzare l’eccellenza dell’offerta italiana di ausili e servizi per i disabili.

Ufficio stampa Fiera Milano

Sergio Pravettoni +39 0249977428  sergio.pravettoni@fieramilano.it

Fabio Pandolfini , +39 0249977676 fabio.pandolfini@fieramilano.it


Servizio Auto sostitutiva per disabili a Livorno

2
26
settembre

Oggi voglio parlarvi di un servizio molto utile, la possibilità di noleggiare un auto attrezzata alla guida per disabili. Ho conosciuto il Sig.re Fabrizio Torzi dell’Associazione Paraplegici di Livorno che gentilmente mi ha fornito il materiale per potervi presentare ciò di cui accennato sopra e non solo:

Colpo d’Ali” e “Progetto Auto Per Disabili PAD” un progetto per un’ autonomia ritrovata , servizio di auto sostitutiva multi adattata e scuola guida pratica per disabili.

Abbiamo acquistato e poi modificato quattro auto  ed un monovolume Kia Carnival per offrire ai nostri associati dei mezzi con particolari dispositivi di guida adatti ha chi vive una minorazione fisica. Un parco mezzi che risponde alle esigenze di para-tetra-emiplegici e/o disabili agli arti inferiori e/o superiori che necessitano di un mezzo speciale per svolgere lezioni di guida pratica o che , possessori di patente di guida, richiedono un mezzo sostitutivo. Da  pochi mesi abbiamo arricchito il parco mezzi con un QUADRICICLO a motore con comandi manuali per conseguimento della patente cat. A speciale e per vivere, così,  in piena libertà ed autonomia quelle zone altrimenti inarrivabili vivendo una disabilità.

In più offrono il servizio “Navetta Amica”, monovolume per guida e trasporto disabili; un progetto pilota che vede alla guida di un mezzo molto particolare, semi automatizzato, un autista disabile possessore di patente di guida speciale.

Costui si adopera per un servizio di trasporti taxi rivolto a persone anziane e/o disabili che necessitano di un mezzo speciale di trasporto. Tale monovolume è infatti allestito in modo da avere un sollevatore/ascensore per salita e discesa di carrozzine.

Il servizio di  auto sostitutiva multi adattata per disabili possessori di patente di guida speciale con consegna di veicoli modificati per guida KIVI e GUIDOSIMPLEX ha il costo di 30.oo € al giorno per autovetture come la Punto e Grande Punto, mentre si richiedono 55.oo€ al giorno per il Monovolume adattato sia per la guida che per il trasporto. I  servizi  si erogano ai soci di diritto regolarmente iscritti con una  tessera associativa di 50,oo € annua – servizio di scuola guida per pratica con mezzi multi adattati per il conseguimento di patente di guida categoria B Speciale ed A Speciale, un nostro volontario aiuta i soci con foglio rosa all’utilizzo dei dispositivi di guida  e la corretta  conduzione del mezzo con un’elargizione di 20.oo € per un’ora di guida pratica.

monovolume adattata disabili

Indirizzo e contatti:

Viale Alfieri 36 c/o ospedali riuniti – Livorno

TEL./FAX – 0586 223044
Cell. 331.2159281334.8336581

e-mail: info@paraplegicilivorno.com


Esplora il sito

Sponsor
Soluzioni bagni disabili
Chi siamo

“Diversamente Agibile” nasce dal presupposto che nessuno meglio di chi ne usufruisce può recensire un servizio.

In questo caso si parla di accessibilità a strutture e attrazioni turistiche in genere (hotel, bar e ristoranti, musei, ecc...).

Ecco l'idea creare questo sito/blog dove raccogliere tutte le esperienze di persone disabili, con reportage scritti, fotografici e filmati dei loro viaggi, in modo da fornire informazioni utili ad altri disabili che vogliono frequentare gli stessi posti. Ovviamente ci potranno essere anche note negative se vi sono incontrate barriere architettoniche o disservizi. La collaborazione è il cuore di questo progetto.

Inoltre le strutture stesse ci possono informare sulla propria accessibilità, offrendo però qualcosa in più della semplice segnalazione che vediamo in molti siti web...

continua a leggere

Pagina Facebook
Omaggio ai nostri Soci
La nostra visita alle cantine di Montalcino al Castello Banfi
Alle Cantine di Montalcino