chiudi


Google+

Ultimi Articoli

Il Magazine Vita parla di noi

10
10
settembre

Qualche giorno fa mi chiama Riccardo Bianchi, giornalista del magazine “Vita“, di cui c’è sia la versione cartacea che online, per intervistarmi riguardo il nostro progetto e ben lieto ho accettato l’intervista.

Il risultato è stato una lunga chiaccherata telefonica che si è poi trasformata in un articolo ben scritto e che rispecchia la natura del progetto. Mi è piaciuto meno l’intervento del così definito “esperto dixit” che ha un quadretto in cui esprime in poche parole la sua idea sull’argomento e in questo caso sul progetto. Non perchè non si può avere le critiche, sempre ben accette soprattutto quando si è agli inizi e non si vuol sbagliare, ma per il modo in cui è scritto ed i punti “critici”. Andiamo però per ordine, leggiamo ciò che scrive Riccardo: (cliccate per ingrandire)

articolo su vita magazine

Franco Bomprezzi è sicuramente una persona capace, non lo metto in dubbio e conosce l’argomento disabilità molto bene, forse però conosce un po’ meno bene questo progetto o almeno nel fare un “riassunto” del suo pensiero quel che ne esce è discutibile, ma tutto è discutibile, si sa, come dicevano i sofisti, le verità assolute non esistono, ognuno ha la sua opinione. Qui però ci sono delle imprecisioni o almeno frasi affrettate, secondo il mio parere. Le parole sono importantissime e un giornalista lo sa sicuramente, basta pochino per dare un immagine positiva o negativa a qualcosa…

Prendiamo:

Attenzione però: ci si occupa solo delle esigenze di persone in sedia a rotelle… .

Innanzitutto quel “solo” che vuol dire? e le sembra poco occuparsi delle persone in carrozzina??? ce ne fossero!!! dovrebbe saperlo? 😉

Poi:

Le segnalazioni devono essere più precise e controllate...”.

Su questo si fa il più possibile e con l’esperienza sarà sempre meglio, voglio ricordarle però che il fulcro dell’idea sono i reportage fatti dai disabili e non sempre c’è bisogno di un metro in mano per sapere se un posto è accessibile…se uno mi scrive che dentro il bagno entra con una carrozzina elettrica e ci gira tranquillamente e in più mi manda pure foto, devo sapere quanto è larga la porta? certo, se uno vuol entrarci con un trattore è un altra cosa, ma con un mezzo del genere al limite butti giù i muri ed entri ugualmente.

“Il sito non è accessibile ai non vedenti. Non va bene.”

Signor Franco, purtroppo il sito adesso non ha nessuna utilità ai non vedenti e lo sa perchè? per il semplice motivo che parlo di disabilità che conosco e non di quelle che non potrei in alcun modo rappresentare. Un non vedente ha esigenze totalmente diverse da una persona in carrozzina, tranne il bisogno dell’aiuto degli altri e delle strutture, anche se penso faccia piacere pure a loro l’assenza di scalini 😉 . Premesso questo che mi sembrava un ovvietà, c’è anche la questione tecnica e di spese. Dire ad un sito nato da 2 mesi che ha certe mancanze è come dire a un muratore che mancano le finestre quando ancora è alle fondamenta. L’intenzione c’è ma ci vuole tempo e denaro, il primo me lo concede Dio se vuole, il secondo gli uomini se vorranno, ma è più difficile del primo, anche perchè non è quello lo scopo.

Troppa gente e troppo spesso, si occupa di cose che non prova sulla sua pelle e Lei lo dovrebbe sapere bene. Con tutto l’affetto nel cuore e sperando le persone non vedenti non me ne vogliono, per adesso non potrei occuparmi delle loro necessità, questo penso sia anche rispettoso verso di loro. Ognuno ha le sue conoscenze e limiti. Mi occupo dei disabili in carrozzina, SOLO di loro per adesso.

E’ poco?

Con Stima intatta.

p.s vorrei precisare che Riccardo mi ha detto il finale di quella frase doveva essere: “Il sito non è accessibile ai non vedenti e questo non va bene.” che suona diversa direi…ma il Redattore l’ha tagliata come sopra. Quindi caro Redattore si può dire anche a Lei: “Non va bene“.


Esplora il sito

Sponsor
Soluzioni bagni disabili
Chi siamo

“Diversamente Agibile” nasce dal presupposto che nessuno meglio di chi ne usufruisce può recensire un servizio.

In questo caso si parla di accessibilità a strutture e attrazioni turistiche in genere (hotel, bar e ristoranti, musei, ecc...).

Ecco l'idea creare questo sito/blog dove raccogliere tutte le esperienze di persone disabili, con reportage scritti, fotografici e filmati dei loro viaggi, in modo da fornire informazioni utili ad altri disabili che vogliono frequentare gli stessi posti. Ovviamente ci potranno essere anche note negative se vi sono incontrate barriere architettoniche o disservizi. La collaborazione è il cuore di questo progetto.

Inoltre le strutture stesse ci possono informare sulla propria accessibilità, offrendo però qualcosa in più della semplice segnalazione che vediamo in molti siti web...

continua a leggere

Pagina Facebook
Omaggio ai nostri Soci
La nostra visita alle cantine di Montalcino al Castello Banfi
Alle Cantine di Montalcino