chiudi


Google+

Disabile prigioniero a Sibari: Treni e Stazione non accessibili

14
agosto

Non vorremmo mai pubblicare certe lettere e invece purtroppo ancora problemi tra disabili e Trenitalia.

treni non accessibili in puglia

Gentile Responsabile di www.diversamenteagibile.it, Signor Maximiliano Ulivieri, sono Caterina, sorella di un ragazzo disabile di 20 anni. Grazie ad internet ho avuto modo di conoscere il vostro sito e mi complimento per le vostre iniziative.

Vi espongo la mia situazione, comune a quelle di molte altre famiglie che hanno al proprio interno una persona disabile.

Avevo intenzione di portare mio fratello da Sibari a Lecce, per andare da una nostra amica, ma questa breve tratta risulta davvero impraticabile per lui che è in carrozzina, in quanto né le ferrovie, né ditte private di autolinee garantiscono mezzi che consentano la salita o la discesa della carrozzina dal treno o dal pulman; a tal proposito volevo chiedervi se siete in grado di suggerirmi su cosa fare e a chi rivolgermi per denunciare con efficacia una situazione che tocca da vicino qualsiasi persona disabile che voglia prendere un treno da Sibari (o dalle molte stazioni ferroviarie che prevedono per molte tratte il cambio in questa stazione).

Dunque il problema riguarda Sibari-Lecce e Sibari-resto d’Italia!!! fortunatamente abbiamo, invece, avuto modo di constatare che i servizi aerei anche per l’estero risultano accessibili ai disabili!

Noi abitiamo in un comune in provincia di Cosenza, nella spesso dimenticata Calabria, e la stazione ferroviaria a noi più vicina che consenta di raggiungere la maggior parte delle altre destinazioni ferroviarie è Sibari, che pur essendo una frazione di un piccolo comune della provincia di Cosenza rappresenta, in base alla definizione data anche da Wikipedia:

“uno dei principali scali ferroviari della Ferrovia Jonica,… nodo di interscambio per i treni diretti sulla Ferrovia Tirrenica Meridionale o a Castiglione Cosentino e Cosenza. È capolinea dei servizi ferroviari regionali Trenitalia per Metaponto e Catanzaro Lido, e di autolinee che attraversano gran parte della Costa Jonica Calabrese e parte di quella lucana”. Proprio per queste ragioni è davvero grave che un disabile non possa usufruirne.

E non si tratta di una situazione temporanea, in quanto non c’è in cantiere nessun progetto, anche a lungo termine, che preveda di adeguare alle esigenze dei più deboli molte realtà ferroviarie del sud.

I problemi cui un disabile va incontro nel momento in cui decidesse di partire dalla stazione di Sibari riguardano l’accesso ai binari, raggiungibili solo attraverso un sottopassaggio (con più rampe di scale) non dotato di sollevatore di scale per disabili, e la mancanza, a questo punto irrilevante, di un sollevatore per carrozzina che consenta la salita sul treno.

Quest’anno non mi sono rivolta a Trenitalia, l’ho fatto l’anno scorso di questi tempi (in quanto volevamo raggiungere Brindisi in treno), quando ho contattato telefonicamente e via mail una Sala Blu della regione Calabria, e gli incaricati mi hanno risposto in tono dimesso che purtroppo la stazione di Sibari non offre la dovuta assistenza ai disabili. Mi sono rivolta alle Sale Blu, in quanto sul sito di Trenitalia esse sono definite come “il punto di riferimento per tutte le esigenze di viaggio delle persone con mobilità ridotta…” ma non ho potuto riscontrarne l’efficienza, anzi mi correggo, l’esistenza dalle nostre parti!

Inutile dire che neanche le compagnie di autolinee private che collegano la Calabria alla Puglia, nel nostro caso, ma comunque il resto delle regioni italiane, è in grado di garantire l’assistenza che consenta la salita o la discesa in pulman attraverso apposite pedane, anche solo manuali, senza contare di considerare se i corridoi dei pulman siano adatti per il transito della carrozzina.

Come spesso succede nella quotidianità, è la famiglia della persona disabile che si ingegna per sormontare le varie barriere che si incontrano, egregiamente e col sorriso, nonostante tutto!

La soluzione più semplice nel nostro caso (potrebbe suggerire chiunque) sarebbe quella di affrontare il viaggio in macchina, ma non essendo per me e mio fratello in questa occasione possibile, sarebbe stato giusto poter usufruire dei mezzi comuni di trasporto… Sarà la nostra amica a venire da noi, va bene comunque! Appare però inconcepibile non avere anche solo la prospettiva futura, per una persona disabile, di poter prendere un treno per raggiungere una qualsiasi destinazione, proprio come spetta a qualsiasi libero cittadino!

Ringrazio il Signor Ulivieri per avermi dato modo di raccontare questa situazione ed invito chiunque si trovi davanti a diritti negati ingiustamente, a denunciarli, per fare in modo che più voci diventino un coro degno di essere ascoltato da chi di dovere.

Saluti,

Caterina

Grazie di cuore a Caterina per la segnalazione e speriamo poter fare qualcosa (ndr)


  • Claudio

    Incredibile. Da Potenza a Cosenza non ci sono stazioni accessibili. 226 km di Italia non serviti per un disabile.

    Ma il Comune che dice? Nessuna sovvenzione per un tot di viaggi annui in taxi gratuitamente fino a Cosenza? O un servizio consorziato dei comuni vicini che acquistano un mezzo attrezzato per trasportare su richiesta i disabili alla stazione di Cosenza?

    Troppo complicato eh…

  • Scherzi? ma in che mondi vivi Claudio 😉 comunque vedremo se si può fare un po’ di rumore, appena passato ferragosto.

  • questà è la realtà un po’ ovunque, siamo molto lontani dalla piena accessibilità , ma è con la collaborazione di tutti che si può arrivare a migliorare le cose e il rumore bisogna iniziare a farlo senza fermarsi mai finchè non si raggiungono i risultati , siamo tanti e potremmo fare la differenza , ma a parte di quandi si parla di denaro le lotte comuni delle persone con disabilità non ci sono se non per qualche caso sporadico .

  • Enrico

    purtroppo è la richiesta di utenza che crea il servizio. Trenitalia ha ancora molto da fare per l’accessibilità. Loro credono che con la carta blu abbiano risolto il problema. Manca la formazione del personale per non parlare dell’efficienza dei servizi. Noi nell’ultimo viaggio abbiamo fermato il treno Milano-Venezia a causa di un servizio igienico accessibile fuori uso. Ho protestato con lìassistenza che si è scusata molto ma ho dovuto arrangiarmi in un angolino 🙂

  • elisabetta

    io innorridisco qnd leggo e vedo queste cose e mi chiedo CHI E’ STO chi di dovere!!!!!!!! il governo? i politicanti? il potere? CHIiiiiiiiiiiiiiiiiiii qui ci vogliono far arrivare all’esasperazione qsta è la dimostrazione del senso civile che dovrebbe regnare in ognino di noi mhaaaaaaaaaaaaaaaaaaa che futuro lascero ai nostri figli 🙁

  • Emiliano Galiazzo

    si

  • Emiliano Galiazzo

    Salve a tutti; sono Emiliano Galiazzo ed ho conosciuto Max tramite il web ed ho avuto la fortuna di incontrarlo, anche se per pochi minuti, alla fiera Gitando di VIcenza. Sono il Vice Presidente di una piccola associazione di Promozione sociale, ma faccio anche parte di un Movimento di disabili e cittadini solidali che portano avanti lotte per rivendicare i diritti previsti ma ancora oggi il piiù delle volte negati di molti soggetti. Una delle tante rivendicazioni è proprio per la situazione dei trasporti in Italia, sopratutto in treno. Vi invito ad aderire al Movimento e a condividerne gli scopi. Cercatelo su Face Book come: Movimento Rinnovamento Democratico, movimento disabili, loro famiglie, citttadini solidali… ragazzi se insieme cominciamo a farci sentire, se insieme abbiamo gli stessi obiettivi, insieme ce la faremo!..

  • @Emiliano

    Grazie di aver detto “la fortuna d’incontrarlo” 😉

    Mi sono unito al gruppo, grazie della segnalazione.

    Per il resto concordo su ogni intervento e naturalmente la storia non finisce qui, ho già contattato TV e giornali, vedremo.

  • Pingback: Purtroppo se poi si parla di disabili e … « Stato delle ferrovie()

Esplora il sito

Sponsor
Soluzioni bagni disabili