chiudi


Google+

Auto guidata con joystick per disabili

4
agosto

La tecnologia facilità la vita a tutti, in alcuni casi forse un po’ troppo, è vero, può fare diventare anche pigri. Se ci pensate bene ogni invenzione sembra proprio orientata a diminuire le nostre fatiche fisiche e mentali, potrebbe essere anche un male in futuro, chissà. La tecnologia però diventa fondamentale per le persone disabili, può realmente aiutare a vivere meglio. Pensate solo al fatto che senza tecnologia non avremo le carrozzine elettriche che permettono di uscire senza l’aiuto di nessuno! Nel 700 come avremmo fatto? con un calesse?

Di esempi che provano quanto possa essere importante la tecnologia per i disabili, ce ne sono a decine. Oggi parliamo di poter guidare l’auto, anche per chi ha poca forza nelle mani, tipo i distrofici. Ci sono alcune proposte in Italia ma sinceramente nessuna mi ha convinto. L’unica, la più ovvia, sarebbe il Joystick, lo stesso che si usa per guidare una carrozzina elettrica. Direte voi, l’auto è un altra cosa!! Certo, ma credete sia impossibile? allora guardate questi video:

Visto? non sembra affatto così impossibile! tranne che in Italia e sicuramente in altre nazioni, ma adesso c’interessa la nostra. Come mai in Italia no? sembra per questioni di sicurezza, che ad una certa velocità l’auto possa sbandare. Dal filmato non sembra, certo se vai a 200 allora non lo so…

Perchè allora in Italia ancora non c’è la possibilità di guidare con il joystick?


  • ANDREA D.

    sarebbe giusto per me questo sistema per guidare la macchina visto che non ho molta forza sulle braccia…..solo che qui in Italia siamo ancora nel medioevo con la tecnologia e sopratutto con la mentalità del nostro governo che è troppo stretta……in fondo noi disabili serviamo solamente ai politici per fare bella figura davanti ai giornalisti quando c’è qualche occasione importate come ad es. la giornata dei disabili…..

  • @Andrea: concordo in pieno con te…io non sono un disabile…ma un giorno, ho provato come ci si sente essendomi infortunato giocando a cacio…saltellavo su un piede solo, e mi ricordo che oltre a non aver molta vita facile, c’era la gente che mi guardava come se fossi un extraterrestre…avrei tanto voluto che tutta la gente che c’era avesse provato…non serviva tutti, solo ki mi guardava come non fossi uno di loro…poi voglio vedere se hanno ancora il coraggio di criticare…Aspetto commenti di risposta 😛

  • andrea

    vorrei sapere come si chiama la ditta che costruisce questa guida con Joystick ok grazie

    • Ciao Andrea, purtroppo essendo ditte straniere ancora non sappiamo quali siano. Ti ricordo che in Italia una modifica del genere non è omologata e approvata, almeno non lo era fino a poco tempo fa, non penso sia cambiato qualcosa, purtroppo. Se avremo notizie a riguardo faremo nuovi articoli. Grazie. A presto.

  • EMMA LOMEO

    mi chiamo Emma ed ho l’artrite reumatoide,malattia altamente invalidante,già da diversi anni.
    Ho fatto molti tentativi per poter tornare a guidare un’auto e rendermi un pò più indipendente,anche perchè abitando a Roma le distanze sono notevoli e, come qualcuno ha detto su questo sito,le pedane degli autobus non sono funzionanti.
    Volevo dirvi che il sistema del joystick è omologato anche in Italia già da tempo e basta telefonare alla Fiat Autonomy per informarsi su come fare la scuola guida e acquistare l’auto.
    io ho fatto una sola lezione perchè purtroppo il vero problema è il costo che è altissimo e per me proibitivo;il prezzo del solo joystick ,a parte il valore dell’auto e dell’eventuale pedana elevatrice,è di 15000 euro.questo è il prezzo della manopola dx (per girare il volante e accelerare) quella sx (per frenare) costa intorno ai 13000 euro!tutta l’auto rischia di costare intorno ai 45000\50000 euro, parlando naturalmente di una utilitaria.
    Vorrei informarvi sui prezzi di questi dispotivi in altri paesi sicuramente più bassi.Ne sapete qualcosa?vi sarei grata se mi faceste sapere le notizie di cui siete in possesso.
    Arrivederci a presto Emma

  • Ciao Emma, lo dico sempre che purtroppo i soldi sono importanti, soprattutto per persone che devono supplire a mancanze fisiche.

    Davvero il joystick è omologato? sinceramente non ho visto case costruttrici con questa modifica! qui si parla del joystick tipo quello che si vede nel video, uguali a quelli sulle carrozzine elettriche.

    Comunque telefonerò per sentire che dicono.

    Grazie Emma.

  • Salve a tutti, sono il direttore e l’editore di una pubblicazione periodica pubblicata dall’A.N.M.I.C. di Livorno. Anche noi trattiamo tra le tante questioni quella relativa all’abilitazione dei mezzi per disabili. Sul prossimo numero del periodico parleremo proprio di questo argomento e dell’importanza dell’indipendenza sotto il profilo dellla mobilità privata. Non parliamo quindi di mezzi pubblici che sono il tasto dolente un po’ ovunque in Italia insieme alla questione delle barriere architettoniche. Collaboriamo strattamente con l’amministrazione comunale proprio per permettere a tutti di poter vivere “fuori di casa” la città in maniera autonoma, senza cioè accompagnamento. Su questo c’è ancora molto su cui lavorare soprattutto per cambiare la mentalità dei più che immaginano l’handicap più come una malattia che come un limite (superabile).

  • Salve Direttore,

    la ringrazio del suo commento e soprattutto la ringraziamo per il suo impegno. Siamo a disposizione per ogni eventuale segnalazione e collaborazione.

    Buona giornata.

  • Sul sito http://www.anmicliv.altervista.org è possibile visualizzare il primo numero della pubblicazione “Nuove abilità” entrando nella sezione Download e quindi Pubblicazione periodica. La stessa ha visto la sua nascita ufficiale in versione cartacea a metà di questo anno. Vorremmo fosse un quadrimestrale ma per adesso ci accontentiamo che esca il secondo numero entro la fine dell’anno. Perchè abbiamo deciso di fare una pubblicazione che peraltro ha i suo notevoli costi di stampa e distribuzione. Ci siamo accorti che nella dispersione delle informazioni le persone non si orientano facilmente su quelle più utili magari in quel momento, la stessa dispersione che notiamo tra le associazioni e la difficoltà di conoscerne bene una ad una. Così è nata l’idea di una collaborazione che racchiuda l’informazione in uno spazio ben definito, come lo è il percorso di recupero di una persona fino all’autonomia e all’indipendenza. Buona lettura a tutti.

  • Bruno

    Il sistema joystick e’ realmente omologato e codificato secondo la direttiva comunitaria per le patenti speciali con codice 40.10 (sterzo adattato in altra maniera: joystick, ecc). In Toscana gia’ ci siamo passati e non e’ un problema conseguire la patente e adattare la vettura con questi ausili. In abbinamento al joystick e’ corretto adottare la monoleva acceleratore e freno con servoassistenza elettroidraulica (codice comunitario 30.11). e’ ottima la freedom. A breve ne pubblichero’ i video. La dolente nota e’ che il prezzo e’ proibitivo, tuttavia occorre tener presente due cose: la prima e’ il fatto che per ideare, progettare realizzare, costruire e omologare questi adattamenti costa una follia in termini di tempo e soldi, la seconda cosa e’ che questi costi vanno distribuiti su una produzione ridotta. Faccio un esempio, nel 1986 ho iniziato ad installare i primi telefoni veicolari, e il loro prezzo era, all’epoca, di 8.500.000 lire (privilegio di pochi eletti), oggi con 30 euro si acquista un telefono che ha venti volte le funzioni di un veicolare. Tuttavia la mia personale opinione e’ quella di rivolgersi al proprio allestitore di fiducia per una valutazione oggettiva degli adattamenti necessari per la guida. Se serve sfruttatemi, “qualcosina” ne so in questo campo. P.S. x Andrea D: non e’ vero che in Italia siamo nel medioevo, ti garantisco che a livello di tecnologia e di affidabilita’ sugli adattamenti siamo i primi in Europa! Joystick e freedom sono di produzione italiana. E molto bolle ancora in pentola! Un abbraccio a tutti i naviganti. Bruno.

    • Salve Bruno, ti ringrazio molto delle tue informazioni. Posso chiederti da cosa deriva questa tua conoscenza del settore? Hai perfettamente ragione sui prezzi, purtroppo è così. Comunque io non ho ancora visto una ditta italiana che pubblicizza una simile trasformazione con il joystick, pensavo che se si poteva fare fosse anche pubblicizzato… magari mi è sfuggito. Se puoi colmare questa nostra lacuna fornendo noinativi di ditte che lo fanno e qualche esempio, te ne saremo grati, magari si potrebbe anche organizzare una dimostrazione.

      Se hai video e altre info, siamo qui 😉

      Grazie di Cuore.

  • Giorgiana

    Salve a tutti il joystick è omologato anche italia, non tutte le macchine possono montarlo ma, per esperienza diretta, la mercedes classe a, la panda e non so quale altra possono montarlo. L’importante è avere l’idoneità per la guida. Per far ciò sarebbe preferibile contattare la Fiat autonomy, sul sito c’è il numero verde e lì sono dotati sia di scuola guida etc, dove poter provare i vari comandi. L’unico problema rimane cmq il costo elevato, circa 15000 euro.

    • Ciao Giorgiana, ben trovata e grazie delle tue informazioni. Nei prossimi giorni li voglio contattare per sentire se ci mandano dei dettagli così li pubblichiamo. Certo passare da una Mercedes ad una Panda 😉 Ci aggiorniamo. A presto.

  • giovanni

    ciao ragazzi sono giovanni, sono un ragazzo atrofico volevo sapere se qualcuno mi sa dire se a napoli o dintorni sta qualcuno che mi sappia indicare dove comprare la macchina e quanto costa con le applicazioni adatte alla mia malattia grazie rispondetemi

  • giovanni

    http://www.guidosimplex.it/home.asp

    PER ORA HO TROVATO SOLO QUESTO SITO

    • Grazie Giovanni, appena posso li chiamo e ti faccio sapere. Un abbraccio.

  • Vorrei segnalare questo sito, dove svolgo il mio hobby preferito, anche essendo disabile, questi i nostri servizi con l’aiuto di Fabio che appoggia le mie idee per noi disabili : http://www.hyperdivision.it

    Assistenza e servizi per il motociclista, dal 1986.

    Adattamenti e omologazioni motocicli per disabili, pista prova per conseguimento patente speciale, omologazioni e assistenza per moto custom, sidecar, trike, quad e moto elettriche, scooter, ciclomotori, microcar.
    _________________
    Riportando la nota della Redazione ricordo:
    Che i disabili non sono fatti con lo stampino e ognuno ha quindi le proprie esigenze. Io e Fabio cerchiamo di risolvere i problemi di mobilità. Sempre disponibili, per ogni domanda, ai numeri che troverete nel sito. Ciao, Enrico e Fabio

    • Grazie Enrico, ho ricevuto e appeno posso pubblico un’articolo della tua segnalazione 😉 Grazie ancora.

Esplora il sito

Sponsor
Soluzioni bagni disabili